RISE OF THE NORTHSTAR – The Legacy Of Shi

Pubblicato il 19/10/2018 da
voto
7.5
  • Band: RISE OF THE NORTHSTAR
  • Durata: 00.43.13
  • Disponibile dal: 19/10/2018
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Ai Rise Of The Northstar è bastato “Welcame”, nel 2014, a far piazza pulita della concorrenza e a legittimare a sè stessi il titolo di miglior band crossover del Vecchio Continente. Un album che faceva seguito agli EP pubblicati negli anni e racchiudeva la furia del passato facendo breccia tra le fila degli appassionati di hardcore, che da sempre li annoverano nel loro circuito, ma anche del crossover thrash, che si sovrapponeva naturalmente alle loro coordinate. Con la maniacale attenzione al dettaglio che li contraddistingue, era prevedibile che il seguito arrivasse in tempi maturi, nessuno però con tutta probabilità avrebbe intuito un nuovo corso, una mutazione genetica, una trasformazione evolutiva. Ascoltare la seconda raccolta dei francesi ha lo stesso sapore di quando Ken tornò in scena con la barba, di quando i Cavalieri indossarono l’armatura d’oro, di quando l’Eva 01 si scatenò in modalità Berserk per la prima volta. “The Legacy Of Shi” è un concept che elimina gran parte dell’hardcore e del thrash per dedicarsi dettagliatamente al crossover rap metal: è bene tenerlo in considerazione da subito per meglio entrare in relazione con esso, assimilarlo in fretta ed apprezzarlo. Parliamo di mutazione perché i ROTNS restano pienamente fedeli al proprio codice, eretto saldamente sull’ideale di crossover, l’immaginario degli shonen manga e gli onnipresenti anni ’90. C’è un palese recupero dei capisaldi della commistione tra l’esperimento Judgement Night, “Follow The Leader” dei Korn e l’hip hop del boom mondiale post Golden Age, in uno scontro stilistico che riecheggia nell’uso della lingua madre accanto all’inglese, elaborato e codificato secondo il proprio stile riconoscibile. Le dieci composizioni viaggiano quasi esclusivamente su mid-tempo fatti di riff heavy e rimbalzanti, resi profondi fino allo strappo dalla produzione di Joe Duplantier, con le occasionali accelerate sugli assoli di Eva-B e un grande studio della sezione ritmica. I ritornelli sono studiati per i live, ripetitivi ed anthemici, tra sing along, gang vocals e pugni in aria. Quelli che ad un primo ascolto possono essere pezzi intercambiabili vivono di luce propria grazie alle mille citazioni, alla cura ossessiva dei dettagli e ai particolari: così “Here Comes The Boom” fa da traino con il passato introducendo elementi del presente. “Nekketsu” ci trasporta nella nuova dimensione e “Teenage Rage” dà il meglio della nuova forma dei ROTNS, sfociando in un segmento puramente hip hop, in francese, che dimostra i livelli impressionanti raggiunti da Vithia in versione MC. “Step By Step” è un papabile singolo introdotto da linee evocative e pregne di speranza, all’americana, mentre “This Is Crossover”, insieme alla title track puntano a far muovere la testa e sbattere i piedi. “Cold Truth” sposta il campo da gioco in terreni fumosi e rallentati, con un flow che si adatta sapientemente alla situazione. Ad essere onesti, anche una volta interiorizzata la svolta stilistica, i difetti ci sono: per dare corpo alla narrazione del concept, “Kozo” fa un po’ inciampare la tracklist occupando la traccia tre con un siparietto di troppo, mentre, più avanti, “All For One” non riesce a far bella figura quanto avrebbe fatto un rimando all’HC/thrash che il gruppo si è sforzato di non fare. Uniti alla leggera ripetitività di fondo, questi dettagli allontanano il disco dall’eccellenza, ma siamo comunque in possesso di quello che con tutta probabilità sarà, nel genere, il disco dell’anno. Una raccolta che andrà ad arricchire in maniera impressionante la setlist di una delle migliori live band in circolazione, da vivere e supportare oggi. I Rise Of The Northstar cambiano ma non si snaturano, restano fedeli alla propria stravagante identità e, in una parola, unici.

TRACKLIST

  1. The Awakening
  2. Here Comes The Boom
  3. Nekketsu
  4. Kozo
  5. Teenage Rage
  6. Step By Step
  7. This Is Crossover
  8. Cold Truth
  9. All For One
  10. Furyo’s Day
  11. The Legacy Of Shi
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.