RIVERS OF NIHIL – The Conscious Seeds Of Light

Pubblicato il 27/10/2013 da
voto
6.5
  • Band: RIVERS OF NIHIL
  • Durata: 00:40:46
  • Disponibile dal: 15/10/2013
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Il biglietto da visita degli statunitensi Rivers Of Nihil è di quelli che non lasciano propriamente indifferenti, anzi: contratto nientemeno che con la Metal Blade, produzione ad opera dell’ottimo Erik Rutan (davvero notevole, sulla quale ci soffermeremo in seguito), un concept affascinante ed impegnativo che prevede l’uscita di quattro full-length ciascuno riguardante una stagione e dove questo primo capitolo è quello relativo alla primavera… Insomma sembrerebbe proprio di non essere alle prese con il primo gruppo di sbarbatelli che ha deciso di suonare veloce e di far uscire un dischetto da far sentire agli amici. E in effetti dobbiamo dire che la loro preparazione tecnica ci colpisce piacevolmente sin dai primi ascolti (tuttavia dobbiamo dire che, specie quando si parla di death metal, una buona-ottima perizia tecnica ha smesso di fare realmente notizia), così come la loro capacità di tessere trame chitarristiche solide ed avvincenti ci fa capire di essere alle prese con dei ragazzi con un buon potenziale. Le tracce che compongono “The Conscious Seeds Of Light” sono piuttosto piacevoli e si assestano a metà strada tra il tradizionale e il moderno con da una parte svariati richiami a Morbid Angel (era “Domination”), e dall’altra ispirandosi a quanto di buono fatto da gruppi quali Meshuggah (specie nei segmenti più rallentati), Decapitated e, a tratti, anche Behemoth, dove la opening track, ad esempio, sembra uscire da “Zos Kia Cultus”.  Tuttavia – ed è un discorso fatto e rifatto svariate volte –  anche con questi ragazzi dobbiamo rimarcare che non bastano una buona tecnica e una miscela sonora di vari gruppi fondamentali a creare un gruppo altrettanto importante. Ciò che manca alla proposta musicale è un’identità vera e propria, un tratto distintivo, qualcosa che riesca a farceli distinguere in mezzo al marasma di uscite che quotidianamente affollano gli shop. D’altra parte, il fatto che uno dei principali punti di forza di un disco sia la produzione vorrà pur significare qualcosa. A tal proposito, ci sentiamo appunto di spendere due parole a favore di Erik Rutan, che in questa caso ha cucito un abito su misura addosso a questi ragazzi: un suono potente ma non bombastico, definito ma senza essere cristallino – come accade troppo spesso con vari gruppi techno-death – lasciando un velo di nebbia a rendere il suono più intrigante. Ma bastano un bel suono e una buona perizia tecnica a soddisfare i palati più esigenti affamati di death metal, specie in un anno di grazia come questo 2013? Certo, se siete amanti del genere, un ascolto ai Rivers Of Nihil lo potete tranquillamente dare, male non vi farà di sicuro. Dal canto nostro, aspettiamo gli sviluppi delle prossime stagioni. Per il momento andiamo di poco oltre la sufficienza.

TRACKLIST

  1. Terrestria I: Thaw
  2. Rain Eater
  3. Birth of the Omnisavior
  4. Soil & Seed
  5. Central Antheneum
  6. Mechanical Trees
  7. Place of Serpents
  8. Human Adaptation
  9. A Fertile Altar
  10. Airless
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.