ROTTEN SOUND – Suffer to Abuse

Pubblicato il 02/04/2018 da
voto
7.0
  • Band: ROTTEN SOUND
  • Durata: 00:11:52
  • Disponibile dal: 13/04/2018
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

La discografia dei Rotten Sound è disseminata di EP e questo nuovo “Suffer to Abuse” è l’ennesima pubblicazione a rientrare in tale categoria. Ormai da tempo il gruppo finlandese ama alternare il confezionamento di un album con quello di un lavoro di breve durata: d’altra parte, quest’ultimo formato è particolarmente adatto per provare nuove idee o, più semplicemente, per dare alle stampe quanto avanzato dalle sessioni del full-length precedente. In questo caso ci troviamo davanti a sette episodi per una dozzina di minuti nei quali i Rotten Sound si cimentano nelle loro solite, corrosive, performance all’insegna di un grindcore dai forti influssi death metal. Dato il conciso minutaggio dell’opera e il numero limitato di pezzi, in questa occasione non è arduo ricordarsi di ogni singola traccia; tuttavia, ci sentiamo di sottolineare come “Suffer to Abuse” contenga effettivamente dei brani tutto sommato facilmente memorizzabili. I finlandesi questa volta hanno evidentemente lavorato a fondo sulla caratterizzazione delle tracce, dando a quasi ognuna di esse una ritmica o un mood specifico. “Stressed Mess”, ad esempio, potrebbe tranquillamente venire spacciato per un intermezzo di un album della Stoccolma death metal del 1990, mentre “Harvester of Boredom” è un’altalena di parossismo e groove che lambisce praticamente ogni sfumatura dello stile Rotten Sound. “Nutrition”, invece, si configura subito come una badilata sludge carica di pessimismo, sorta di affresco nichilista dei nostri tempi. Insomma, a conti fatti, “Suffer to Abuse”, con tutti i suoi ingredienti al posto giusto, è una delle uscite più gradevoli proposte dal quartetto negli ultimi anni. Lo stile è quello di sempre e non si respira affatto aria di cambiamento o di ulteriore evoluzione, ma un lavoro come quello in oggetto dimostra come Keijo Niinimaa e compagni siano sempre in grado di realizzare opere incisive, se messi nelle condizioni di lavorare bene sul songwriting.

TRACKLIST

  1. Privileged
  2. The Misfit
  3. Stressed Mess
  4. Harvester of Boredom
  5. One Hit Wonder
  6. Nutrition
  7. Slaves of Lust
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.