RUSH – Clockwork Angels Tour (3 CD)

Pubblicato il 08/01/2014 da
voto
8.5
  • Band: RUSH
  • Durata: 02:54.44
  • Disponibile dal: 19/11/2013
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

I Rush sono senza dubbio tra le formazioni progressive rock piú importanti e significative della lunga storia di questo vasto genere musicale. Le loro influenze si sono sparse ovunque e hanno attraversato le generazioni, grazie non solo alle inarrivabili qualitá di un trio spettacolare sia come tecnica che come ispirazione, ma anche per via della capacitá di sapersi rinnovare e ripresentare variando il proprio sound con il passare degli anni. L’ultimo album “Clockwork Angels” ha ribadito nuovamente, come se ce ne fosse bisogno, questi concetti, donando ai fan dei Rush e alla musica tutta un altro capitolo di eccezionale qualitá che ora viene immortalato anche in sede live dal qui presente album dal vivo, della durata di quasi tre ore. Registrato a fine novembre 2012 a Phoenix e Dallas, “Clockwork Angels Tour” è disponibile nei formati DVD, Blu-ray e triplo CD, ma per questa recensione purtroppo possiamo disporre solo di quest’ultima edizione. Quanto basta ad ogni modo per affermare che il qui presente prodotto non è un semplice live, dal momento che a fianco di un primo CD, ricco di brani storici, troviamo un secondo dove i pezzi di “Clockwork Angels” vengono riproposti e riarrangiati in una affascinante veste sinfonica grazie all’apporto dell’ottetto d’archi Clockwork Angels String Ensemble. Lo stesso è presente anche sui quattro classici “Dreamline”, “Red Sector A”, “YYZ” e “Manhattan Project” contenuti nel terzo CD, assieme ad altri pezzi immancabili come “Tom Sawyer”, “Limelight” o “2112”, eseguiti invece senza archi. La resa sonora e la qualitá della performance sono entrambe ai massimi livelli, sia per quanto riguarda i brani suonati in formazione normale, sia per quelli in veste sinfonica. Da segnalare anche la presenza sul secondo CD, oltre a uno dei soliti impressionanti drum solo di Neil Peart, di un etereo solo chitarristico inedito di Alex Lifeson, intitolato “Peke’s Repose”. Quello che stringiamo tra le mani è dunque l’ennesimo mastodontico lavoro targato Rush, dal profilo artistico di altissimo livello e assolutamente consigliato ai fan del gruppo.

TRACKLIST

  1. Subdivisions (CD 1)
  2. The Big Money
  3. Force Ten
  4. Grand Designs
  5. The Body Electric
  6. Territories
  7. The Analog Kid
  8. Bravado
  9. Where s My Thing?/Here It Is!
  10. Far Cry
  11. Caravan (CD 2)
  12. Clockwork Angels
  13. The Anarchist
  14. Carnies
  15. The Wreckers
  16. Headlong Flight/Drumbastica
  17. Peke s Repose (guitar solo
  18. Halo Effect
  19. Seven Cities of Gold
  20. Wish Them Well
  21. The Garden
  22. Dreamline (CD 3)
  23. The Percussor (I) Binary Love Theme (II) Steambanger s Ball
  24. Red Sector A
  25. YYZ
  26. The Spirit of Radio
  27. Tom Sawyer
  28. 2112
  29. Limelight (soundcheck recording)
  30. Middletown Dreams
  31. The Pass
  32. Manhattan Project
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.