RUST – Urstoff

Pubblicato il 21/05/2018 da
voto
7.0
  • Band: RUST
  • Durata: 00:39:01
  • Disponibile dal: 30/03/2018
  • Etichetta: Dusktone
  • Distributore:

Con un percorso affine a quello di tanti altri gruppi costretti a barcamenarsi tra cambi di line-up e affidandosi con pervicacia alla propria incrollabile fede e passione, i Rust, benché al loro debutto, sono in giro, prima come Lesmathor e poi come October Rust, da una quindicina d’anni e più. Il lavoro in esame vede la luce a latere dell’aver trovato il cantante perfetto per la band per dunque procedere alla pubblicazione, e “Urstoff”, pur non avendo particolari metri di paragone con prove precedenti, sembra dimostrare che l’alchimia pare esserci tutta. “Urstoff” è un album composto benissimo, che racchiude una cerchia di ascolti e sensazioni che collimano in una sintesi piuttosto funzionante: la malinconia di gente come Katatonia o i Type O Negative si fonde con quel death arioso che tanto bene han fatto gli Opeth e continuano a fare altri (Insomnium, non senza qualche macchia di nero qua e là ad appesantire un po’ le già non troppo allegre sensazioni evocate dai Rust. Quelle che abbiamo tra le mani sono dunque sei tracce e una band sicuramente consapevole delle proprie capacità: la voce sa disegnare violentissime linee di furia estrema così come dei momenti puliti estremamente evocativi, le chitarre emanano note aspre che scivolano come righe di pioggia sulla finestra rappresentata da una sezione ritmica ineccepibile. La batteria in particolare emerge grazie ad un tocco che sa essere annichilente quanto caldo, con una prestazione che sorregge tutta l’opera quanto eppur diversamente dalla bella e caratteristica voce di Jotun. Certo, non stiamo incensando un disco perfetto, qualche prolissità qua e là e qualche soluzione un filo pretenziosa ci sono, ma un debut del genere non può che essere un risultato positivo. Quaranta minuti che non cambieranno la storia della musica ma che ben potranno accompagnare pomeriggi dal sapore autunnale. Ascolto consigliato.

TRACKLIST

  1. The Bounteus Dearth
  2. Graylight Contoured
  3. No Place Like Death
  4. Windumanouth
  5. Scribed
  6. Wounds of the Sunken Dawn
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.