S.R.L. – Hic Sunt Leones

Pubblicato il 24/04/2019 da
voto
7.5
  • Band: S.R.L.
  • Durata: 00:50:30
  • Disponibile dal: 08/02/2019
  • Etichetta: Rockshots
  • Distributore: Audioglobe

Orgogliosamente italiani. Dal monicker S.R.L. (acronimo di Società a Responsabilità Limitata, sulla falsariga dei leggendari act prog-rock degli anni ’70) al titolo in latino “Hic Sunt Leones”, il quintetto umbro rivendica con orgoglio le proprie origini tricolori, al punto da utilizzare solo la lingua madre nel cantato. Se questo elemento è sufficiente per rendere la loro proposta peculiare, va detto che anche dal punto di vista strumentale gli undici pezzi in scaletta hanno poco da invidiare alle migliori produzioni thrash-death made in Sweden, marchiando a fuoco i padiglioni degli ascoltatori con ritmiche martellanti e linee vocali assassine, rese ancora più sinistre dalla possibilità di poter cogliere appieno le sfumature lessicali. Tra assalti all’arma bianca (“Il Culto”, “Demoni”), brani più cadenzati (“Il Museo delle Cere”, “Di Luna e Deserto”) e qualche contaminazione melodic-death vecchio stampo (“Tenebre”, “Vertigine”), c’è veramente di chi divertirsi nel viaggio tra le terre inessplorate in compagnia degli S.R.L., giunti all’apice compositivo della loro discografia (iniziata nel lontano 1992,  ma giunta solo ora al quarto full-length). Non sappiamo se siano pronti per la quotazione al FTSE MIB del metal tricolore, ma di sicuro la formazione di Terni si conferma come una realtà più che mai solida, fiera della tradizione ma al tempo stesso aperta alla contaminazione.

TRACKLIST

  1. Il Culto
  2. Il Museo delle Cere
  3. Tenebre
  4. Rimarremo da Soli
  5. Demoni
  6. Un Sasso nel Vuoto
  7. Di Luna e Deserto
  8. Vertigine
  9. L’uomo Senza Volto
  10. Mezzanotte
  11. Omne Ignotum Pro Magnifico
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.