SABATON – Primo Victoria

Pubblicato il 12/04/2005 da
voto
5.5
  • Band: SABATON
  • Durata: 00:41:12
  • Disponibile dal: 05/04/2005
  • Etichetta: Black Lodge
  • Distributore: Audioglobe

Se siete dei cultori dell’epic/power metal più pacchiano e guerrafondaio, siete dei possibili fan dei Sabaton. Chi sono i Sabaton? Sono un gruppo svedese, formatosi nel 1999, che con questo “Primo Victoria”, pubblicano il loro primo album per la Black Lodge, anche se in realtà non è il loro vero e proprio debut. Infatti i Sabaton, dopo aver registrato anni fa il primo demo agli Abyss Studios, hanno ricevuto una offerta per registrare il primo full length, in realtà mai pubblicato. “Primo Victoria” quindi è il secondo album della band, e l’esperienza fatta si sente sui pezzi migliori. Veniamo all’album: la prima impressione che si ha al primo ascolto dell’opener è: “Wow! Che bomba!”. Ma andiamoci cauti, la prima canzone dell’album è anche la migliore, in quanto l’album si trascina stancamente nei suoi quaranta minuti abbondanti in cui i momenti degni di nota si presentano col contagocce, lasciando un senso di incompiuto che si trasforma in amarezza. La cosa che dovrebbe ‘sollevare’ la band, è che gli unici pezzi belli sono anche gli unici pezzi originali del lotto. Parliamo dell’opener “Primo Victoria”, forte di una inedita epicità che ci riporta alla memoria i migliori lavori targati Grave Digger, della epicissima “Wolfpack” marchiata a fuoco Sabaton, e della bella “Purple Heart”, cadenzata ed inesorabile nelle sue melodie. Purtroppo il bello si esaurisce in tre tracce (ed in una produzione stupenda), e le altre sei si perdono tra citazioni malmsteeniane e hammerfalliane, in un’accozzaglia di riff già sentiti almeno un migliaio di volte. Ed è brutto, quando si tocca il cielo con un dito, sprofondare così tanto…

TRACKLIST

  1. Primo Victoria
  2. Reign Of Terror
  3. Panzer Battalion
  4. Wolfpack
  5. Counterstrike
  6. Stalingrad
  7. Into The Fire
  8. Purple Heart
  9. Metal Machine
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.