SACRIFICIUM CARMEN – Nekrognosis (Avain Varjoihin)

Pubblicato il 04/01/2022 da
voto
7.5
  • Band: SACRIFICIUM CARMEN
  • Durata: 00:51:26
  • Disponibile dal: 12/12/2021
  • Etichetta:
  • Purity Through Fire

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Altra band finnica proveniente dalla zona di Tampere, altro talentuoso combo black metal della florida scena underground in quella terra che sembra essere sotto l’incanto perenne di una luna ghiacciata. I Sacrificium Carmen non sono dei debuttanti, ma sono arrivati ad un momento cuciale, ovvero a quel terzo album che solitamente rappresenta il punto di svolta nella carriera di una band. Anche stavolta è stata brava la tedesca Purity Through Fire a puntare su questa formazione, così come ha fatto bene a promuovere i debuttanti e consanguinei Coraxul. Evidentemente c’è una miniscena nella zona di Tampere dove più gruppi, che condividono in parte gli stessi musicisti, stanno trovando in questi tempi difficili un’ottima ispirazione e si stanno mettendo in luce (anche sulle nostre pagine), senza dimenticare che la Finlandia è da sempre tra i paesi più importanti al mondo se si parla di musica black metal.
“Nekrognosis (Avain Varjoihin)” è una release black metal underground in linea con quanto la Finlandia ha saputo esprimere da qualche decennio a questa parte, troverete tutti gli ingredienti giusti dosati in maniera perfetta: la produzione, ad esempio,  si può considerare underground per la sua ruvidezza, ma è molto professionale ed i suoni specialmente di chitarra e batteria sono perfetti per creare un’atmosfera fredda e tagliente. La band ci mette anche una discreta dose di violenza e di lucida follia, non senza dimenticare che questo genere musicale può avere anche un discreto impatto sonoro se la batteria non riveste un ruolo di second’ordine. Dal punto di vista stilistico, dicevamo, i Sacrificium Carmen non inventano nulla e prendono spunto da quanto già fatto in passato da band conterranee di un certo calibro, in più il combo di Tampere ci mette qualche elemento ritmico più solido per dare un tocco più massiccio al black metal proposto. Per ottenere questo risultato, infatti, non tutti i brani sono sempre lanciati alla massima velocità, come in “Erakkotemppelin Ilmestyksiä” ed altri episodi. La band si dimostra ispirata specialmente per quanto riguarda il riffing di chitarra, a momenti superbo soprattutto nei primi brani dell’album, il più delle volte bello intricato e assai dinamico. Ci sono dei momenti, nella parte centrale della release, in cui questo sembra ammiccare a soluzioni vagamente ‘swedish’, poca roba in realtà ma quel tanto che basta per dare un tocco diverso a certi passaggi di alcune canzoni; eppure, al di là delle influenze e dello stile utilizzato, la formula funziona alla grande. Il carme sacrificale messo in atto su questa release mette a tratti i brividi e comunque rapisce l’attenzione. Quando una scena, o parte di essa, si sta mettendo in luce come nel caso dell’underground finnico, è anche compito della stampa specializzata darle il supporto che merita ed aiutarla, se possibile, ad emergere. Ed è quello che vogliamo fare in questa sede, appunto: voto 7,5 e altro Hot Album. Suomi Finland perkele!

TRACKLIST

  1. Fraktaalimessu
  2. Baphometin Siemen
  3. Ihmiskunnan Inho Seuranain
  4. Azrael
  5. Demonosofian Houreet
  6. Kultasielu Helvetin
  7. Erakkotemppelin Ilmestyksiä
  8. Mefistofeleen Kuu
  9. Haudankajossa, Soturi & Näkijä
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.