SAMMATH – Across The Rhine Is Only Death

Pubblicato il 01/11/2019 da
voto
7.5
  • Band: SAMMATH
  • Durata: 00:39:23
  • Disponibile dal: 07/10/2019
  • Etichetta: Hammerheart Records
  • Distributore: Audioglobe

A discapito di un attività pluridecennale svoltasi in realtà piuttosto nell’ombra, i Sammath tornano a farsi vivi più potenti che mai con “Across The Rhine Is Only Death” sparato a tutta potenza, ultimo tassello di un percorso a dir poco belligerante intrapreso e percorso dai belgi ormai da molto tempo. Sviluppando una vena priva di compromessi già intrapresa con decisione dal precedente “Godless Arrogance” infatti, il gruppo si pone a capo di un assalto violentissimo perpetrato senza pietà lungo tutto il minutaggio dell’album, non concedendo vie di fuga rispetto alle soluzioni taglienti di chitarra e batteria e dando ampio sfogo allo screaming acido e penetrante di Jan Kruitwagen, mente assoluta del progetto ed indomito mattatore del caos sprigionato dalla band. Si potrebbe pensare ad una abominevole fusione tra Angelcorpse, Marduk, e Revenge per concepire il background in cui si muove il panzer dei Sammath, rendendo impossibile non sottolineare per esempio la somiglianza con Pete Helmkamp e le sue band in molte delle linee vocali ed in una generale attitudine che pervade lo spirito del trio belga, declinato però in una vena più marcatamente black metal sicuramente riscontrabile a livello di sonorità. Non solo la voce infatti, ma il sound stesso scelto per “Across The Rhine…” insiste con caparbietà su frequenze medio-alte dal suono stridulo e squillante, scelta piuttosto controcorrente rispetto alle produzioni del momento solitamente molto profonde, ma coraggiosa e forse necessaria per veicolare al meglio la sensazione di insidioso pericolo che trasmettono le canzoni che contiene. L’artiglieria pesante attacca il fuoco senza preamboli con “Savagery” e continua imperterrita fino alla superba “Ferocious Mortal Fire”, climax assoluto del full che si infrange a metà scaletta su “Totenhugel”, momento essenziale per ricaricare le armi e partire per l’ultimo trittico di massacro in battaglia, su cui si staglia ancora il valoroso operato mostrato in “Bitter Fighting Amongst The Dead” e nella conclusiva titletrack che chiude trionfalmente il massacro black metal dei Sammath. “Across The Rhine Is Only Death” attacca alla gola, se ne frega di costrizioni e buonsenso artistico e cerca la soluzione più caustica e nociva ad ogni costo, presentandosi con arroganza e sputandovi veleno in faccia ad ogni minima occasione. Niente di più e niente di meno troverete in questo album.

TRACKLIST

  1. Savagery
  2. All Lay Dead In The Slit Trenches Of Calcar
  3. Battletorn
  4. Ferocious Mortal Fire
  5. Totenhugel
  6. Blood Ridden Fields
  7. Bitter Fighting Amongst The Dead
  8. Across The Rhine Is Only Death
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.