SANCTIFYING RITUAL – Sanctifying Ritual

Pubblicato il 02/06/2020 da
voto
8.0
  • Band: SANCTIFYING RITUAL
  • Durata: 00:41:16
  • Disponibile dal: 05/06/2020
  • Etichetta: Iron Bonehead Prod.
  • Distributore:

Spotify:

Apple Music:

Attivi dal 2008, ma rifiutatisi di dare alla propria carriera una decisa impennata dopo i primi demo, i death-thrasher Sanctifying Ritual giungono solo ora all’appuntamento con il vero e proprio debut album. Il marchio Iron Bonehead e la scelta di non essere reperibili su nessuno di quei canali social oggi tanto in voga, sottolineano ulteriormente quell’estetica DIY e underground che già da tempo risultava evidente approcciandosi al gruppo. “Sanctifying Ritual” è stato a lungo in lavorazione ed è forse anche per questo motivo che la sua tracklist risulta impregnata di una incontenibile urgenza catartica. La forza dei brani risiede tutta nella spontanea unione di un linguaggio thrash e death metal senza compromessi, racchiusa in un songwriting dalle geometrie ben definite e al contempo mai monotono. Per una band come quella in questione, una produzione digitale o troppo curata rappresenta il male assoluto, tuttavia, a livello compositivo, il quartetto si guarda bene dall’esagerare con la semplicità, scegliendo invece di volta in volta strutture non troppo ripetitive nelle quali l’ispirazione ha modo di vagare e di trarre ulteriore linfa da una vasta gamma di riferimenti vintage. La musica si muove rapida, animata da furia primordiale, imperturbabile e spietata; non serve chissà quale bagaglio di nozioni per rendersi conto che i membri del gruppo siano gente che ha passato notti insonni ad ascoltare i Kreator pre-“Terrible Certainty” e i Death degli esordi, oppure che i quattro rientrino fra coloro che possiedono la prima stampa di “The Awakening” dei Merciless. Non è facile comporre musica interessante con delle regole e dei paletti così rigidi a livello di influenze e di modalità di espressione, eppure i ragazzi tedeschi inanellano una serie di episodi vincenti, imbastiti su riff riconoscibili e su una rigorosa cura per l’equilibrio, lo svolgimento e, in alcuni casi, la sintesi nella composizione. Serve un po’ di attenzione per cogliere certi dettagli, perché la cruda resa sonora e la foga con la quale il materiale viene interpretato potrebbero in principio fare pensare ad un gruppo rozzo e oltranzista a trecentosessanta gradi, ma brani come “(Tales of the) Sinister Appearances” e “Stained with Rotten Blood” si sviluppano in modo tanto inatteso quanto esaltante, comprovando come dietro a questo primo disco vi sia stata una lunga valutazione. In tal senso, i death-thrasher teutonici possono ricordare i Repugnant di “Epitome of Darkness” o i Beyond di “Fatal Power of Death”, band capaci di prendere uno stile codificato e di renderlo proprio e avvincente lavorando attentamente sulle dinamiche del songwriting. Sulla scia di queste perle, “Sanctifying Ritual” mette in primo piano cuore e genuina passione, una solida idea di fondo e una comunione di intenti tra chi lo ha composto e suonato, tutti elementi che rendono il disco subito appassionante.

TRACKLIST

  1. (Tales of the) Sinister Appearances
  2. Into Obscure Abyss
  3. Curse of Evil
  4. Obsessed by Gore
  5. Carved in Rotten Remains
  6. Stained with Rotten Blood
  7. Throne of Evil Atrocity
  8. Mankind Devastation
  9. Abominable Death Rebels
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.