SAVAGE MASTER – Those Who Hunt At Night

Pubblicato il 05/08/2022 da
voto
7.5
  • Band: SAVAGE MASTER
  • Durata: 00:35:50
  • Disponibile dal: 05/08/2022
  • Etichetta:
  • Shadow Kingdom Records

Spotify:

Apple Music:

Giunti al quarto album, gli statunitensi Savage Master sembrano aver trovato la giusta dimensione musicale: il loro heavy metal classico, in tutto e per tutto devoto alla NWOBHM e a certo hair metal ottantiano, risulta finalmente godibile, efficace, potente – come non era mai successo nei lavori precedenti, nei quali si respirava soltanto uno stanco senso derivativo.
“Those Who Hunt At Night” è un disco che in mezz’ora consuma il meglio delle movenze del metal più classico, ma lo fa in modo entusiasmante, rifiutando ogni vana ricerca di originalità e prediligendo la forza espressiva tipica di questo genere: brani selvaggi, con sequele di grandi riff, melodie orecchiabili, il tutto innervato da un piacevole sentore d’urgenza espressiva, come se tutto fosse spinto dal desiderio di ‘suonare del sano heavy metal’.
La cantante Stacey Savage appare finalmente personale e libera da altri riferimenti, senza offrire prestazioni memorabili, ma accompagnando i brani con la grinta giusta e un’espressività assolutamente adeguata (anche laddove emergono dei difetti tecnici, come in “The Hangman’s Tree”, non sembra mai fuori posto). Il resto dei musicisti esegue l’album nel modo migliore: sporco, senza orpelli, vivido come se si trattasse di una live session. Molto interessante anche la produzione, a metà strada tra vintage e modernità – ma pendente più verso la prima accezione: si ascoltino brani come “Spirit Of Death”, dove sembra di essere a metà strada tra le nuove idee sonore di giovani band classic metal (come gli Enforcer) e il recupero di una delle tante perle sepolte della wave del metal britannico degli anni Ottanta.
Tutto l’album risulta davvero piacevole, figlio di una tradizione inossidabile, in un omaggio rigenerante ai classici dell’heavy metal. Se si cerca qualcosa di originale e ricercato bisogna restarne alla larga, ma se si ha voglia di ascoltare della musica genuina, defaticante – e magari fare un tuffo in un passato musicale intramontabile – “Those Who Hunt At Night” è un ottimo disco.

TRACKLIST

  1. Hunt At Night
  2. Eyes Behind The Stars
  3. Rain Of Tears
  4. Spirit Of Death
  5. A Warrior's Return
  6. The Hangman's Tree
  7. Queen Satan
  8. Vaster Empires
  9. The Death Of Time
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.