SAVATAGE – Poets And Madmen

Pubblicato il 03/04/2001 da
voto
7.0
  • Band: SAVATAGE
  • Durata: 01:02:40
  • Disponibile dal: 03/04/2001
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Difficile affezionarsi a “Poets And Madmen”. Un po’ dobbiamo ammettere che l’album ci mette del suo (non è immune da difetti, come vedremo), ma un po’ della diffidenza che molti fan nutrono verso questo lavoro è anche il prodotto secondario di una serie di condizioni al contorno che hanno accompagnato questa uscita discografica.  Innanzitutto, “Poets And Madmen” è il colpo finale della band, quindi nella memoria di tutti, questa particolare uscita è legata al ricordo (brutto) dello scioglimento mai ufficializzato della band. E’ anche l’unico album dell’ultimo periodo al quale Zachary Stevens non abbia partecipato; e poco importa che al suo posto troviamo il cantante originale Jon Oliva: con i grandi lavori “Handful Of Rain” e “Dead Winter Dead” il dimissionario cantante di origine bosniaca si era, almeno per molti, guadagnato il diritto di dirsi il vero frontman della band. Un retrogusto dunque amaro accompagna da sempre quest’album, un retrogusto che contribuisce al nasconderne le qualità e ad esaltarne per contro gli aspetti meno esaltati. La verità però è che ogni disco vive necessariamente di giudizi soggettivi e globali, quindi non possiamo dire, né ora né mai, che “Poets And Madmen” sia uno dei colpi vincenti della band. E’ un album onesto, a tratti anche buono, che raccoglie l’elaborata struttura degli album dell’ultimo periodo ma compie l’errore di provare a coniugarla ad un sound che vorrebbe guardare al passato della band, precisamente al periodo di “Hall Of The Mountain King”. Solo che di quel periodo manca tutto… manca il drumming più nervoso di Wacholz, manca il chitarrismo esplosivo di Criss… nemmeno la voce di Jon è ovviamente più la stessa. La band è ora più elegante, di sicuro più matura, ma è priva di quella spontaneità che rendeva gli album del periodo centrale dei veri capolavori. E’ quindi, almeno a nostro parere, l’eccessivo concentrarsi sul forzato recupero di queste sonorità a provocare una brutta spaccatura. I nuovi Savatage che giocano a fare i vecchi Savatage sono una cosa che in molti avrebbero preferito non vedere, ed il risultato è che l’album ne ricava un andamento tentennante, un gusto nostalgico che non si capisce se derivi dalle cupe liriche del concept o dall’approccio della band stessa al pentagramma. I bei brani ci sono, eccome: “Morphine Child” è un colpo di mano della portata di “Chance”, il classico pezzo che scrive pagine di metal con una facilità impressionante. Ma è da solo, piantato lì in mezzo ad una tracklist un po’ discontinua. L’opener “Stay With Me Awhile” e “There In The Silence” sono eleganti squarci di heavy di gran classe, ma mancano di quella capacità di intrattenere e coinvolgere che avevano “This Is The Time” e “Turns To Me”. “Surrender” è diretta e arcigna, ma graffia meno delle canzoni del periodo centrale.  Come dicevamo, affezionarsi a “Poets And Madmen” è difficile, ma non riconoscerne il valore sarebbe parimenti un grave errore.

TRACKLIST

  1. Stay With Me Awhile
  2. There In The Silence
  3. Commissar
  4. I Seek Power
  5. Drive
  6. Morphine Child
  7. The Rumor
  8. Man In The Mirror
  9. Surrender
  10. Awaken
  11. Back to A Reason
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.