SCALE THE SUMMIT – Carving Desert Canyons

Pubblicato il 10/03/2009 da
voto
7.5
  • Band: SCALE THE SUMMIT
  • Durata: 00:39:51
  • Disponibile dal: 17/02/2009
  • Etichetta:
  • Prosthetic Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Saliti alla ribalta meno di un paio di anni fa, gli Scale The Summit tornano con un nuovo episodio sotto le ali protettrici della Prosthetic Records che li ha accolti dopo i riscontri entusiastici del primo, auto-prodotto, “Monument”. Il combo, poco più che ventenne, propone un progressive metal esclusivamente strumentale che, se da un lato farà la felicità degli appassionati del genere e di ogni musicista che si rispetti, dall’altro lascerà indifferente chiunque non ami passare quaranta minuti di musica senza la benché minima traccia di una linea vocale. Otto episodi intrisi di tecnica e di sperimentazioni musicali dove la chitarre di Chris Letchford e Travis LeVrier tessono riff e melodie in cui la fantasia e il gusto melodico hanno sempre la predominanza rispetto al lato puramente tecnico che, seppur mitigato all’interno delle composizioni, è sempre presente a tributare ad ogni membro della band la propria indiscussa abilità tecnica. Se le chitarre rappresentano il vero filo conduttore dell’intero album, è bene spendere qualche parola anche sulla sezione ritmica: l’eclettico duo Jordan Eberhardt/Pat Skeffington infarcisce ogni composizione di raffinatezze e gusto superiore, scegliendo talvolta ritmiche e tempi slegati dall’andamento portante delle chitarre e donando all’intero lavoro personalità, incentivando l’ascoltatore a tornare più volte sull’opera per apprezzare pienamente le infinite sfaccettature del suono dei Texani. Evidente l’abilità della band nel fondere melodie e parti volutamente più aggressive, mantenendo fluente l’ascolto e senza dover trovare la necessità di inserire break forzati che avrebbero reso meno continuativo e fruibile il lavoro. “Carving Desert Canyons “, come già denotato in precedenza, non è un album per tutti: probabilmente molti lo troveranno eccessivamente complesso e pretenzioso, ma ascoltando con attenzione – e ripetutamente – gli otto episodi contenuti nell’album si apprezzerà la fantasia delle composizioni e la bontà delle soluzioni proposte dai quattro giovani musicisti. Come avrete ben intuito gli Scale The Summit, seppur non potendo accontentare chiunque, riescono nuovamente nel difficile intento di non rendere noioso e banale un album totalmente strumentale: let the music talk!

TRACKLIST

  1. Bloom
  2. Sargasso Sea
  3. The Great Plains
  4. Dunes
  5. Age Of The Tide
  6. Glacial Planet
  7. City In The Sky
  8. Giants
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.