SECRETS OF THE MOON – Sun

Pubblicato il 11/12/2015 da
voto
7.5
  • Band: SECRETS OF THE MOON
  • Durata: 00:52:43
  • Disponibile dal: 04/12/2015
  • Etichetta: Lupus Lounge
  • Distributore: Audioglobe

Dopo aver creato dischi pieni di arrangiamenti, di registri e di suoni che avrebbero dovuto avere il compito di arricchire e di sorprendere continuamente l’ascoltatore, giunge per i Secrets Of The Moon il momento di guardare altrove e di esplorare maggiormente il concetto di linearità. “Sun” è un album destinato comunque a spiazzare, ma più per la sua forte impronta melodica che per quegli sbalzi di umore al quale il gruppo tedesco ci aveva sin qui abituato. All’ascolto dell’opera, probabilmente numerosi fan grideranno allo scandalo e al “sellout”: del resto, l’assenza di spunti davvero aggressivi o propriamente black metal è subito lampante. Tuttavia, sarebbe errato giudicare repentina o incongruente la “svolta”, dato che i Secrets Of The Moon avevano iniziato già diversi anni fa a giocare con certe soluzioni più ariose. “Sun”, in pratica, arriva ad esaltare definitivamente l’anima melodica del gruppo della Sassonia: le strutture risultano più fluide, le linee vocali schiarite e la produzione snella e luminosa (quest’ultima fondamentale per mettere in risalto il carattere seducente delle nuove trame). Basta l’opener “No More Colours” – probabilmente una delle migliori canzoni dell’intero repertorio della band – ad illustrare con precisione l’andamento del disco: il brano si apre su una ritmica intensa, ma presto si capisce che il fulcro della musica risiede da tutt’altra parte… voce ambigua, poche note messe al punto giusto e melodie ben definite e sensuali, capaci di trasmettere sia malinconia che una speranza nella quale perdersi, senza nessun passaggio a vuoto nonostante la lunghezza considerevole. Forse sG e compagni non gradiranno molto questi paragoni, dato che in vent’anni di carriera non hanno mai perso occasione per sottolineare la loro personalità all’interno del panorama black metal tedesco, ma tante delle formule da loro adottate su questo “Sun” sembrano il frutto di una strana fusione di Fields of the Nephilim, Type O Negative, Triptykon e Behemoth (di “The Satanist”). Non si parla dunque di vere e proprie soluzioni fuori dagli schemi; piuttosto, si può vedere l’album come una dinamica rielaborazione di nuove influenze, inserite in brani nei quali le costanti sono la rotondità delle melodie, la pulizia del suono, la messa a nudo di sentimenti. Forse per i quattro sarà difficile riproporre certi episodi dal vivo, ma ciò è un problema che per ora non deve interessare gli ascoltatori; se si ha la pazienza e la voglia di fermarsi e di sperimentare qualcosa di diverso, senza pensare troppo al vecchio materiale dei Secrets Of The Moon, allora questo è certamente il disco giusto.

TRACKLIST

  1. No More Colours
  2. Dirty Black
  3. Man Behind The Sun
  4. Hole
  5. Here Lies The Sun
  6. I Took The Sky Away
  7. Mark Of Cain
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.