SENSORY AMUSIA – Breed Death

Pubblicato il 22/05/2022 da
voto
6.5
  • Band: SENSORY AMUSIA
  • Durata: 00:31:28
  • Disponibile dal: 27/05/2022
  • Etichetta:
  • Lacerated Enemy Records

Spotify:

Apple Music:

Dal sempre florido circuito death metal australiano, in grado di esprimersi ottimamente in varie branche e declinazioni del filone, ecco arrivare i Sensory Amusia con la loro prima fatica sulla lunga distanza, seguito di un EP – “Bereavement” – pubblicato senza troppi squilli di tromba nel 2020, e di sicuro non aiutato dalle ripercussioni sul mercato musicale della pandemia.
Oggi i ragazzi ci riprovano, e lo fanno imbastendo nuovamente un metallo della morte moderno, muscolare e giocato tutto sull’interazione fra tecnicismi affilati e deflagrazioni tonanti, guardandosi comunque bene sia dallo scadere nell’onanismo strumentale, sia dal tradurre l’elemento groove in quelle formule death-core da quattro soldi che un’etichetta come la Unique Leader promuove ormai a getto continuo. Piuttosto, il trio sceglie di percorrere una via simile a quella di gente pratica e concreta come Misery Index e Dying Fetus, condendo poi il proprio suono con un pizzico di follia mutuata dai Cryptopsy di “Whisper Supremacy” e con qualche apertura ‘ariosa’ figlia probabilmente dell’ascolto delle ultime opere dei Cattle Decapitation, per un risultato complessivo lungi dall’essere definibile personale, ma – quantomeno – sufficientemente curato, energico e scorrevole.
I brani seguono bene o male sempre lo stesso schema (fatta eccezione per “Vulgar Thoughts of Carnage” e la sua parentesi melodiosa dal sentore black metal), l’intensità ritmica non cala quasi mai, e questo sicuramente non giova alla caratterizzazione della tracklist, ma va comunque detto che i pezzi – per quanto omogenei e un po’ prevedibili – girano bene, e che l’album nel suo insieme dura poco più di mezz’ora, motivo per cui l’ascolto non viene certo a noia.
Di sicuro avremmo preferito una produzione più calda e naturale, ma anche così “Breed Death” si rivela essere un buon dischetto, ad opera di un gruppo preparato e che sa evidentemente dove mettere le mani per confezionare questo tipo di proposta, ideale per la stagione estiva quasi alle porte.

TRACKLIST

  1. Birth through Violence
  2. Yersinia pestis
  3. Vermin
  4. Parasitic Alteration
  5. Vulgar Thoughts of Carnage
  6. Bind Torture Kill
  7. A Blank Canvas of Flesh
  8. Breed Death
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.