SERPENT NOIR – Death Clan OD

Pubblicato il 12/02/2020 da
voto
7.0
  • Band: SERPENT NOIR
  • Durata: 00:37:34
  • Disponibile dal: 07/02/2020
  • Etichetta: World Terror Committee
  • Distributore:

Tornano a farsi sentire i Serpent Noir con la nuova fatica discografica a nome “Death Clan OD”, un concentrato di black metal melodico e progressivo che si allinea con naturalezza sin dai primi ascolti alla gloriosa scena ellenica legata a questo genere. La band, composta da musicisti esperti, militanti in altre interessanti formazioni dell’underground europeo, mette in scena uno spettacolo tortuoso e non semplice lungo cui potersi immergere nel corso del disco, incarnando progressivamente aspetti e caratteri variegati piuttosto personali su cui si districa con abilità e buona perizia tecnica. Si potrebbe rimanere ingannati dalle prime canzoni circa la reale portata malefica dei Serpent Noir, finendo per catalogarli come l’ennesima realtà black metal fin troppo impeccabile ed ‘educata’, quando in realtà basterà arrivare alla parte centrale dell’album per comprendere la musicalità sibillina ed affatto scontata presentata dal gruppo, così come la loro naturale propensione a legare le partiture strumentali ad una parte vocale e lirica curata fin nei suoi più intimi dettagli. In questo senso, la presenza di Thomas Karlsson in veste di liricista e cantante nell’ultima traccia risalta con grande autorità, donando in definitiva un carattere sapiente e filosofico per niente deprecabile al disco, vista la sua profonda conoscenza delle discipline esoteriche ed occulte. Tra suggestioni ritualistiche, riffing roccioso ed armonizzazioni poco convenzionali, “Death Clan OD” mostra l’estro creativo di musicisti scafati che hanno deciso di mettere da parte l’impeto più feroce, riscontrabile ormai solamente in alcuni passaggi in scream vocals, a favore di un songwriting più posato e ponderato che permette loro di sperimentare le possibilità artistiche verso lidi anche molto distanti dalla semplice radice black metal. Anche se in alcuni frangenti si finisce forse per uscire fuori dal seminato persino per un disco concettuale e camaleontico come questo, va detto che in larga parte la formula sembra funzionare con successo, concedendo all’ascoltatore numerosi spunti su cui poter ritornare successivamente dopo reiterati ascolti. Heavy, black e metal epico ed occulto si fondono in “Death Clan OD” secondo sensazioni serpentine, non necessariamente aggressive o negative quanto piuttosto convergendo in un tono maestoso che sa far brillare l’operato dei Serpent Noir di una luce singolare ed energica.

 

TRACKLIST

  1. The Black Knighthood Of OD
  2. Cutting The Unbilical Cord Of Hel
  3. Hexcraft
  4. Asmodeus: The Sword Of Golachab
  5. Astaroth: The Jaws Of Gha'Agsheblah
  6. Necrobiological Chant Of Talas
  7. Goeh Ra Reah: Garm Unchained
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.