SHE SAID DESTROY – This City Speaks In Tongues

Pubblicato il 30/06/2009 da
voto
7.5
  • Band: SHE SAID DESTROY
  • Durata: 00:40:59
  • Disponibile dal: /06/2009
  • Etichetta:
  • Tabu Recordings
  • Distributore: Audioglobe
Streaming non ancora disponibile

Pubblicato (un po’ in sordina, a dir la verità) nel Vecchio Continente dalla Tabu Recordings, che lo ha “strappato” alla Candlelight Records, il secondo full-length del quartetto norvegese She Said Destroy ci appare come un interessante esempio di (death?) metal tecnico e multiforme. Un universo sonoro bizzarro, che si esprime tramite composizioni che nascondono sempre qualcosa di imprevedibile, in cui melodie stralunate vengono accompagnate da un riffing affilato e vari tecnicismi. Un album in cui la tradizionale struttura della canzone viene messa in discussione e l’attitudine nervosa del songwriting sembra prevalere a vantaggio di forme a tratti molto sconnesse, che esulano da schemi prestabiliti. Difficile trovare dei veri e propri termini di paragone… da una parte i She Said Destroy rileggono con il loro piglio eclettico l’efficacia delle cavalcate in doppia cassa dei Death, da un’altra rivisitano in una chiave più agile e controllata certe soluzioni cervellotiche care ai Watchtower (un po’ alla maniera dei loro connazionali Extol) e, da un’altra ancora, reinterpretano con disinvoltura la perfezione melodica abbinata a ricercati pattern ritmici di cui oggi i Gojira sono alfieri. La forza di “This City Speaks In Tongues” sta nel suo approccio obliquo alla musica estrema, in cui il rischio di disorientare l’ascoltatore, confuso dalla schizofrenia delle coordinate su cui si muovono i vari brani (“I Love This Place” attacca come un pezzo melodic hardcore e si conclude con un riff degno dei vecchi Satyricon!), trova un buon contrappeso nella buona – se non ottima – qualità delle singole parti/riff. Un album forse un po’ troppo eccentrico, tuttavia assai affascinante!

TRACKLIST

  1. This City Speaks in Tongues
  2. We Will Never Learn
  3. An Age of Leeches
  4. Tea and Toast at the Very End of Time
  5. No Zen
  6. I Love This Place
  7. Consider This a Warning
  8. Servitude
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.