SHINING – IX (Everyone, Everything, Everywhere, Ends)

Pubblicato il 27/04/2015 da
voto
6.5
  • Band: SHINING (SWE)
  • Durata: 00:39:33
  • Disponibile dal: 20/04/2015
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

Forse sinora tutti avevamo avuto timore di pensarlo… di ammettere che gli Shining dei primi quattro album non ci sono praticamente più o di loro rimane oramai ben poco. Il nuovo “IX (Everyone, Everything, Everywhere, Ends)” non è rivoluzionario, nè troppo sperimentale, ma continua ad allontanarsi (o ad evolversi, dipende dai punti di vista) dal depressive black metal delle origini. Prendendo sempre come punto di partenza l’album precedente ed evolvendo ulteriormente quel sound, nel giro di una manciata di album gli svedesi Shining hanno preso le distanze dallo stile che li ha resi famosi e a suo tempo innovatori. Il celebre lato tragico, malato e depressive di Kvarforth e soci si sta affievolendo o non è più presente in tutti i nuovi brani; questo vuoto lascia il campo a nuove soluzioni – come su “Framtidsutsikter” o su “Inga Broar Kvar Att Bränna” – dove si sentono persino delle atmosfere romantiche o comunque spunti che non trasmettono alcun feeling negativo – prerogativa assoluta in passato degli Shining. Qualcosa di buono su questo nono full length album ovviamente c’è, come l’elaborato riff di apertura su “Människotankens Vägglösa Rum”, così come non mancano i classici riff black metal, ma sebbene questi ultimi siano di una qualità più che discreta, essi si dimostrano anche poco innovativi. La scelta di una produzione perfetta, dai suoni cristallini, ovviamente non aiuta queste parti classiche dove al black metal andrebbe restituito il suo sound primordiale. Non c’è più niente di torbido nella musica degli Shining e forse non è da oggi che le cose stanno così, ma con “IX (Everyone, Everything, Everywhere, Ends)” tutti i nodi sembrano venire al pettine: il titolo di questo nuovo album rischia di essere tremandamente autobiografico e di rivolgersi contro il proprio autore. Presa singolarmente, senza fare nessun collegamento, questa release è valida ed il livello delle canzoni è buono, ma ci si accorge anche che dietro non c’è una storia che pure dovrebbe esserci, manca un background solido. Gli Shining non verranno di certo ricordati per questo lavoro, che non ha molto senso nella loro discografia nè è l’inizio di un qualcosa di nuovo. La sua consistenza è effimera ed in breve tempo svanirà nel nulla. Perchè tutto si avvia alla fine. Parola di Shining.

TRACKLIST

  1. Den Påtvingade Tvåsamheten
  2. Vilja & Dröm
  3. Framtidsutsikter
  4. Människotankens Vägglösa Rum
  5. Inga Broar Kvar Att Bränna
  6. Besök Från I(ho)nom
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.