SHIVERS ADDICTION – Artificial Paradise

Pubblicato il 10/10/2020 da
voto
7.5
  • Band: SHIVERS ADDICTION
  • Durata: 00:55:37
  • Disponibile dal: 18/09/2020
  • Etichetta:
  • B District 8

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

Gli Shivers Addiction sono già attivi da una quindicina d’anni e questo nuovo disco intitolato “Artificial Paradise” è il loro terzo full-length, ancora una volta, peraltro (dopo gli avvicendamenti visti nei primi due full-length), con un cantante differente: stavolta, infatti, dietro ai microfoni ritroviamo il nuovo singer Davide Prestigiacomo, che certamente non sfigura con la sua performance.
Una caratteristica della band è sempre stata quella di far convivere diversi generi e così anche su questo lavoro capita di trovare ad esempio un brano thrash come la titletrack oppure folk (con tanto di cornamuse) come nel caso di “Monologue Of A Soldier”. Il grande salto di qualità che però a nostro avviso viene compiuto dagli Shivers Addiction è quello di aver deciso di virare verso uno stile più marcatamente prog, che consente ai musicisti di creare una cornice entro cui inserire le idee più disparate e originali, dando così un ideale contesto per sviluppare meglio questo loro approccio. Succede così che diverse tracce siano costruite più o meno attorno a una base di strofe e ritornelli, rispetto alla quale però possono presentarsi una serie di intermezzi e divagazioni geniali e talvolta persino stravaganti: possiamo citare la parte reggae di “Nobody’s Has No Land” o le chitarre jazz/fusion di “Warmachines” o, ancora, le bizzarre dissonanze di “Forsaken Son”, una canzone dove sono state inserite anche voci femminili. Non mancano neppure vari passaggi acustici o arpeggiati, ai quali si contrappongono in qualche frangente chitarre molto dure e ribassate, come nel caso di “Eve”. La band si cimenta però volentieri anche in tracce più articolate ad elevato tasso progressive: in tal senso, emblematico il caso di “Chicago”, così come è particolare pure la traccia strumentale (come del resto suggerisce scherzosamente già il titolo) “This Song Has No Lyrics”.
Davvero un buon comeback, dunque, da parte degli Shivers Addiction, che si sono resi autori di un disco originale e interessante.

TRACKLIST

  1. Remote Control
  2. Eve
  3. Artificial Paradise
  4. Chicago
  5. This Song Has No Lyrics
  6. Nobody's Land
  7. Monologue Of A Soldier
  8. Warmachines
  9. Forsaken Son
  10. Chain Reaction
  11. Lost But Alive
  12. Requiem For Missings
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.