SHUDDERWALL – Shudderwall

Pubblicato il 30/11/2009 da
voto
7.0
  • Band: SHUDDERWALL
  • Durata: 00:48:15
  • Disponibile dal: //2009
  • Etichetta:
  • Distributore:

Interessantissimo debutto sulla lunga distanza per i francesi Shudderwall, che con l’omonimo album ci presentano un lavoro che spazia dal rock alternativo al metal, passando per l’hard core. Un mix di ballad tristissime e malinconiche e di brani carichi di cattiveria musicale per un lavoro caratterizzato da undici tracce di assoluta qualità. Caratteristica della band è la loro composizione: due fratelli e una sorella che si occupano di tutto il processo creativo, dalla composizione all’esecuzione finale. Tra le tante frecce al loro arco, spunta sicuramente la produzione affidata a quella vecchia volpe di Scott Mathews, già dietro alla console di mostri sacri della caratura di Mick Jagger, Barbra Streisand e Eric Clapton; se questi tre ragazzi hanno attirato la curiosità di questo straordinario producer, qualcosa di buono a priori c’è di sicuro. Ed infatti gli Shudderwall dimostrano di saperci fare con la musica, ma soprattutto di trovarsi a loro agio con la commistione dei generi, croce e delizia di tutti i musicisti. I loro brani miscelano sapientemente il rock puro e crudo con la sua variante più alternativa, unendo influenze hard core e heavy metal, senza tralasciare un pizzico di commercialità che non guasta mai. Di contro dobbiamo sottolineare che la band non mostra ancora una sua vera peculiarità e con il tempo questo potrebbe provocare qualche problema, soprattutto sulla scelta della strada musicale da intraprendere; ma per il momento è più importante sottolineare la qualità insita in questo esordio e le doti dei suoi componenti. Altra caratteristica curiosa è che i pezzi inseriti nell’album sono praticamente fini a sé stessi, quasi fossero ognuno una storia a parte; una soluzione intelligente vista la commistione di generi eterogenei che permette di presentare ballad struggenti e inquiete come “Alone In The Dark” e “Just Try To”, unite a song puramente metal come “Self Judgement” o hard core come “It Doesn’t Hurt Me”. Niente da dire: ce n’è per tutti i gusti, ma soprattutto per gli amanti della buona musica; nel frattempo godiamoci questo interessante esordio, nella speranza di vedere gli Shudderwall crescere nell’Olimpo della musica.

TRACKLIST

  1. Alone In The Dark
  2. Grudge
  3. Not Your Way
  4. Just Try To
  5. Dangerous Minds
  6. The World Is So Gray
  7. Self Judgment
  8. In These Strange Days
  9. The Doors We Hide
  10. Not More Than A Silente
  11. It Doesn’t Hurt Me
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.