SIEGES EVEN – Playgrounds

Pubblicato il 03/08/2008 da
voto
6.0
  • Band: SIEGES EVEN
  • Durata: 01:09:44
  • Disponibile dal: 28/07/2008
  • Etichetta:
  • Inside Out
  • Distributore: Audioglobe

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Avevamo appena archiviato l’ottimo “Paramount”, che aveva risollevato le sorti della band dopo il deludente “The Art Of Navigating By The Stars”, ed ecco che la InsideOut si appresta a pubblicare il primo live della carriera dei progster tedeschi Sieges Even. Contrariamente a quanto consigliabile nei tempi moderni di download selvaggio, l’etichetta si concentra esclusivamente sul lato audio, quando invece sarebbe stato più opportuno, data anche la pirotecnica performance della band, concentrarsi su un bel DVD. Non si può sempre avere tutto, purtroppo, per cui accontentiamoci del CD, che pur presentando intatte tutte le caratteristiche peculiari della band, non ci soddisfa come dovrebbe. Insomma, stiamo parlando di una band dalla carriera ventennale, con sette album all’attivo; una band che con le proprie capacità tecniche e con la propria scaletta avrebbe potuto confezionare un bel disco doppio, con tutti i classici ed ovviamente con le immancabili nuove song. Invece, Dio solo sa se per motivi strettamente contrattuali (solo gli ultimi due album sono InsideOut) o se per problemi di tipo personale (la band ha cambiato line-up), ecco che il presente “Playgrounds” rappresenta niente di più che una riproposizione dell’ultima fase della carriera della band, con solo un paio di pezzi estratti dal bellissimo “A Sense Of Change”. Detto questo, e data la perfezione chirurgica della band, ecco che un live come questo diventa immediatamente un prodotto inutile. Riproposizioni così fedeli degli originali, da renderlo una sorta di raccolta fine a se stessa, privandoci della possibilità di godere di nuove versioni di classici estratti per esempio dal capolavoro “UnEven”, per chi scrive il miglior episodio discografico della band. Forse la band vuole solo guardare avanti, ed in occasione della presentazione della vecchia “These Empty Places”, dove il cantante dichiara: “Ci dispiace molto suonare questa song, ma dobbiamo farlo”, capiamo che questa volontà è quanto mai radicata nello spirito della band. Non ci resta che allungare le nostre mani sullo scaffale e recuperare i vecchi lavori della band. E se proprio non abbiamo ancora gli ultimi due lavori della band, possiamo risparmiare ed acquistare questa ‘live compilation’.

TRACKLIST

  1. When Alpha And Omega Collide
  2. Tidal
  3. Unbreakable
  4. The Waking Hours
  5. Iconic
  6. These Empty Places
  7. Duende
  8. Paramount
  9. The Lonely Views Of Condors
  10. The Weight
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.