SILENTIUM – Altum

Pubblicato il 03/05/2001 da
voto
6.0
  • Band: SILENTIUM
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2001
  • Etichetta:
  • Distributore:

I finlandesi Silentium sono una band gothic attiva fin dal 1996 data nella quale hanno rilasciato il loro demo tape molto apprezzato nella scena underground di Finlandia, Svezia, Belgio, Portogallo e Turchia. Nella seconda meta’ del 1998 hanno prodotto il secondo EP-tape composto da 6 canzoni ed hanno collezionato diverse apparizioni live in Finlandia. Dopo le numerose esperienze in campo underground sono approdati a questo nuovo album uscito con la Spikefarm Records chiamato "Altum". La lineup dell’album e’ quella ormai consolidatasi durante la stesura dell’EP: molto particolare e’ la presenza di un violinista e di una cantante soprano; gia’ dalla presenza di questi elementi si intuisce la predisposizione gotica dell’intero album, che apre con un intro di tastiere e violino con inserti chitarristici di dubbio gusto che non convincono particolarmente. L’intero disco richiama temi molto dark come si intuisce dai titoli delle varie song. Difficile per altro distinguere le varie canzoni, totalmente suonate sullo stesso accordo. Forse per questa terribile scelta molte delle song si richiamano l’un l’altra. Da notare inoltre che forse per il genere stesso non c’e’ una canzone (a parte forse la track 9) un pochettino tirata e che possa dare un po’ di carica. Poca anche la varieta’ per quanto riguarda i timbri utilizzati dal tastierista che restano gli stessi per quasi tutta la durata dell’album.
Parlare di una track particolare dell’album e’ abbastanza superfluo quindi, possiamo fare un discorso di massima che le racchiude tutte. Certo, le atmosfere evocate hanno un non so che di depressivo e ossessivo, ma alla lunga tendono a stancare i non estimatori del genere come me. Apprezzabile in ogni caso resta la parte di violino e della cantante lirica non facilmente trovabili in un gruppo heavy metal. Il cantante ha invece un timbro di voce misto tra Aaron dei My Dying Bride e il nuovo cantante dei Sentenced e alterna alla voce "pulita" il cantato "scream". In defintiva, si può dunque parlare di un album per amanti del genere, poco frizzante, tuttavia non esattamente scadente.

TRACKLIST

  1. Revangelis
  2. Blasphemer
  3. To my beloved one
  4. Painless
  5. ....Repent....
  6. Into the arms of the nigth...
  7. The Lusticon
  8. The Sinful
  9. The propheter of the Unenthroned
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.