SIMPLE LIES – Let It Kill

Pubblicato il 04/09/2015 da
voto
7.5
  • Band: SIMPLE LIES
  • Durata: 00:39:59
  • Disponibile dal: 04/09/2015
  • Etichetta:
  • Bakerteam Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Tempo di upgrade in casa Simple Lies. Dopo i buoni responsi del debut “No Time To Waste”, ed il successivo passaggio alla corte della Bakerteam Records, la formazione emiliana torna con un album potenziato non solo nell’aspetto esteriore (artwork & produzione), ma anche e soprattutto rinvigorito nel sound. Se il termine di riferimento resta sempre quello di un hard-rock a stelle e strisce con una robusta mano di moderna vernice scan rock – come bene esemplificato dall’opening track “Look At Me Now” e dalla successiva “A-MEN”, sguaiate, energiche e viziose quanto basta per compiacere il maestro Nikki Sixx -, scorrendo la tracklist non mancano le sorprese. Tra queste, segnaliamo l’assolo a là In Flames di “Sunday Morning Apologies”, l’attacco trance-industrial di “Miss Anthrhopy”, così come le orchestrazioni e le ritmiche al limite del power-thrash di “Past Frames” (brano che più di tutti ci ha ricordato i Secret Sphere di “The Scent Of A Woman Desire”, il che ovviamente è un complimento). Passando all’altrettanto efficace dei pezzi più ‘classici’, sul taccuino dei migliori finiscono la semi-ballad “Symmetry Of Love”, il party-rock di “Freak Show” (con tanto di divertente finalino), e il ritornello sognante della title track e la rocciosa “The Ant” (con tanto di special guest dietro al microfono), mentre la più intricata “The King Is Dead” sintetizza al meglio le capacità dei Simple Lies, chiudendo in bellezza un disco ‘all killer no filler’. Senza inventare nulla, ma con una buona dose di passione, tecnica e la giusta attitudine ‘in your ass’: da oggi anche l’Italia ha i suoi campioni del Modern Vintage!

TRACKLIST

  1. Look At Me Now!
  2. A-MEN
  3. Sunday Morning Apologies
  4. Symmetry Of Love
  5. Freak Show
  6. Miss Anthropy
  7. Let It Kill You
  8. The Ant
  9. Past Frames
  10. The King Is Dead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.