SINISTHRA – The Broad And Beaten Way

Pubblicato il 17/05/2020 da
voto
6.5
  • Band: SINISTHRA
  • Durata: 00:42:39
  • Disponibile dal: 15/05/2020
  • Etichetta: Rockshots
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Tomi Joutsen, reso celebre da ormai circa quindici anni di militanza negli Amorphis, che lo hanno consacrato come uno dei performer più versatili e apprezzati in ambito gothic-progressive metal, torna in modo estemporaneo ed imprevedibile a dar man forte alla sua band d’origine, i Sinisthra, formazione che si era persa quasi del tutto nelle nebbie del tempo. Dopo l’esordio datato 2005 ed intitolato “Last Of The Stories Of Long Past Glories”, difatti, la formazione di Helsinki si eclissò in un dimenticatoio pressoché totale, probabilmente resa zoppa dal successo e dagli impegni che il succitato frontman ottenne immediatamente con il felice esito di “Eclipse”, lavoro che nel 2006 rilanciò gli Amorphis dopo un periodo vagamente ‘dubbio’.
Oggi dunque i Sinisthra si rimettono in gioco proponendo questo “The Broad And Beaten Way”, purtroppo male introdotto da un cover artwork davvero brutto e dozzinale. L’album si presenta molto vario e con differenti sfaccettature, rese coese dalla vocalità calda ed espressiva di Tomi, qui alle prese esclusivamente con la voce pulita, forse non il suo pezzo forte, quando pensiamo al growl imponente e profondo che si sprigiona in seno alla sua band principale. Ma tant’è, dobbiamo ammettere che nelle sonorità proposte dai Sinisthra, effettivamente, tutto questo bisogno di voce catacombale non c’è, in quanto il gruppo, pur rientrando di certo nel filone del gothic metal introspettivo e atmosferico bagnato da cospicue ondate progressive, preferisce scalpellare accuratamente il suo blocco di marmo invece di pigliarlo a martellate. Antimatter, Barren Earth, The Foreshadowing, chiaramente Amorphis, Anathema a tratti, quelli di metà carriera, i mai dimenticati Evereve, e poi stranamente qualche accenno più groovy e corposo leggermente in salsa Meshuggah, sono i riferimenti più adatti per descrivere al meglio il pattern sonoro scelto dai Sinisthra per stupirci. Purtroppo per loro, però, la qualità delle sei composizioni che compongono “The Broad And Beaten Way” non è elevatissima: si veleggia complessivamente sulla sufficienza abbondante, requisito non bastante per consigliarvi caldamente l’ascolto del disco, in un compendio di tracce che difficilmente ci portano altrove e diciamo pure mai ci fanno venire brividi d’emozione: si spazia con amabile multifunzionalità dall’approccio da singolone dell’opener “Eterne”, con un chorus che profuma d’Amorphis lontano dodici miglia, alla lunghissima suite “Closely Guarded Distance”, nella quale troviamo un pizzico di tutto, partendo da un riffone molto djentizzato, passando per sezioni ipnotiche comprensive di voci operistiche, seguite da una delicata parte in cui Joutsen si alterna ad un assolo di chitarra nel declamare una passione poco velata per gli Anathema di “Weather Systems”, e concludendo tirandola per le lunghe in un doom solenne ed enfatico. Si sta spesso a cavallo tra semiballad e crescendo gotici, mai malvagi ma anche mai completamente soddisfacenti; quando si giunge al pezzo migliore, “Safe In The Arms Of The Everlasting Now”, si sente smuovere qualcosa all’altezza dello stomaco ma, ancora una volta, le farfalle restano nel loro bozzolo…
Sicuramente, con il procrastinare gli ascolti, “The Broad And Beaten Way” sale di livello e apprezzamento, ma il punto focale non muta posizione rispetto a quella iniziale: si è di fronte ad un disco solo a tratti ammirabile, sicuramente piacevole, ma che non sappiamo davvero quanto possa durare a lungo nel vostro (e nostro) stereo. Decidete voi, insomma, cosa fare.

 

TRACKLIST

  1. Eterne
  2. Closely Guarded Distance
  3. Halfway To Somewhere Else
  4. Morningfrail
  5. Safe In The Arms Of The Everlasting Now
  6. Ephemeral
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.