SKALMOLD – Vögguvísur Yggdrasils

Pubblicato il 16/10/2016 da
voto
5.5
  • Band: SKALMOLD
  • Durata: 00:48:42
  • Disponibile dal: 30/09/2016
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Gli Skálmöld sono figli del boom – artistico e commerciale – che il viking e più in generale il pagan/folk metal hanno avuto ormai quasi una decina di anni fa, che ha portato alla ribalta del grande pubblico realtà lontane e sonorità diverse e dai forti tratti etnici, anche molto interessanti (tra gli altri, i russi Arkona e i lettoni Skyforger). Esistono nel genere due grandi filoni, uno più legato al black metal – sia come sonorità che come attitudine – ed uno più goliardico e bonaccione, che ha finito per riscuotere un grande successo di pubblico (un po’ meno di critica). Gli islandesi appartengono senza dubbio alla seconda categoria, e con questo “Vögguvísur Yggdrasils” non propongono innovazioni nel loro sound, o nella forma-canzone, che resta legata alla dicotomia brani anthemici/midtempo cadenzati. Il disco si apre con “Múspell”, in cui a farla da padrone sono riff stoppati e ritmiche sostenute; la principale pecca emerge subito – e non potrebbe essere altrimenti – dato che stiamo parlando del cantato: Jón Geir Jóhannsson è autore principalmente di un growl monocorde, che mal si adatta alle linee melodiche create dagli strumenti e anzi fa apprezzare particolarmente le occasioni in cui viene sostituito da cori melodici. Questo non è l’unico problema del lavoro – anche se si tratta certamente del più evidente. Il secondo grande limite sono infatti le canzoni stesse, spesso scialbe e prive di mordente oltre che di quelle sfumature che dovrebbero caratterizzare il genere, tanto che,  se non fosse per la sagoma del guerriero in copertina e gli sporadici cori potremmo tranquillamente avere per le mani un normalissimo gruppo che mescola power, heavy classico e thrash. Alcuni episodi riescono ad ergersi al di sopra di questa mediocrità risultando piacevoli, ma sono davvero pochi: “Niðavellir”, che riesce (finalmente) a ricreare atmosfere nordiche e fiabesche e la seguente “Miðgarður”. Il brano di chiusura, “Vanaheimur”, mette in evidenza le backing vocals in scream – sgraziato e sfiatato – che altrove appaiono in maniera sporadica, e che contrastano fortemente con i pregevoli inserimenti di voce pulita. Giunti al termine di queste nove tracce è difficile non rimanere con l’amaro in bocca di fronte ad un lavoro poco ispirato, con un songwriting a tratti confuso e alcuni evidenti limiti tecnici. Inoltre manca quasi del tutto l’atmosfera, sia essa da taverna rumorosa, campo di battaglia insanguinato o bosco pieno di folletti (di invocare gli antichi dei neanche a parlarne). Passate oltre.

TRACKLIST

  1. Múspell
  2. Niflheimur
  3. Niðavellir
  4. Miðgarður
  5. Útgarður
  6. Álfheimur
  7. Ásgarður
  8. Helheimur
  9. Vanaheimur
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.