SKINNY PUPPY – Weapon

Pubblicato il 15/07/2013 da
voto
6.5
  • Band: SKINNY PUPPY
  • Durata: 00:48:57
  • Disponibile dal: 28/05/2013
  • Etichetta: Metropolis Records
  • Distributore:

Dal 1984 a oggi, il leggendario (ormai) duo industrial EBM canadese ha non solo pubblicato lavori rispettabilissimi con una regolarità sconvolgente, ma nel farlo ha anche ridisegnato i lineamenti della musica heavy digitale e riscritto le regole dell’elettronica contemporanea, quella più aggressiva per lo meno. Giunti alla boa del dodicesimo full-length, stavolta edito dalla rispettabilissima Metropolis, la band canadese comincia però a mostrare una stanchezza palpabile anche se la reputazione e la rispettabilità dei Nostri, nonostante una stringa di album recenti decisamente sottotono, sembra comunque ormai inscalfibile. Le cadute di stile sono una cosa, la stanchezza è un’altra, per questo vi diciamo che questa non è affatto una stroncatura ma una riflessione sulla ridimensionata capacità immaginifica e distruttrice di una delle band più pioneristiche e innovative della nostra epoca. “Weapon”, non abbiate timori, è un ottimo album di industrial EBM acido, apocalittico e distopico, l’ennesimo esempio di un’estetica artistica cyberpunk che ha più i lineamenti di un classico che di un esercizio di stile. Ancora una volta infatti questo disco è talmente esemplare della sottocultura cyberpunk da risultare quasi “cinematografico” e dai tratti quasi documentaristici. Impossibile non scorgere infatti nei testi e nelle famosissime vocals gracchiate di Ogre quell’estetica post-apocalittica che ha sempre trovato maggiore spazio e respiro più nel cinema che nel mercato discografico. Forse è proprio questo che fa degli Skinny Puppy un essere più unico che raro: non solo sono una band, dunque, ma soprattutto una sottocultura vera e propria. E in questo quadro stilistico immutato “Weapon” ripercorre ancora una volta passi ormai arcinoti dell’impianto sonoro della band, ma lo fa mostrando una rilassatezza palpabile che non abbiamo timore di definire stanchezza o anche mancanza di ispirazione. I brani sono tutti accomunati da un’intensità nei BPM fortemente ridimensionata con la maggior parte dei pezzi che viaggiano sotto i cento e in cui esistono molte pause, incertezze e perfino vuoti, dando alla musica tutta un feel quasi dub o dai lineamenti tipici della musica elettronica “minimal”, come per esempio il glitch. Siamo dunque al cospetto di ritmiche più lente ed atmosfere più fumose e dilatate, quasi psichedeliche, in cui ogni retaggio punk passato della band è diluito in una serie infinita di suggestioni electro-pop e di sfumature elettroniche eteree e inoffensive, e ben più atmosferiche e avvolgenti che in passato. Completamente assenti le chitarre elettriche come tanti elementi più prettamente metal che da sempre erano state una componente assolutamente vitale dello Skinny Puppy Sound. Insomma, “VIVISectVI” e “Rabies” sono lontani anni luce e i fan della prima ora della band non potranno negare questo puro e semplice dato di fatto. I fallimenti o le cadute di stile sono però semplicemente concetti inesistenti nel DNA di questa band, su quello non ci piove, e pur nella sua innocua senilità “Weapon” è pur sempre il lavoro di maestri assoluti che non conoscono concorrenza o rivali al giorno d’oggi.

TRACKLIST

  1. wornin'
  2. illisiT
  3. saLvo
  4. gLowbeL
  5. solvent
  6. paragUn
  7. survivalisto
  8. tsudanama
  9. plastiCage
  10. terminal
  11. Overdose
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.