SKORBUTIKS – Visions And Monoliths

Pubblicato il 09/07/2014 da
voto
7.0
  • Band: SKORBUTIKS
  • Durata: 00:14:40
  • Disponibile dal: 12/04/2014
  • Etichetta:
  • Distributore:

Facciamo una piacevolissima scoperta con il demo degli Skorbutiks, che si presentano per la prima volta al grande pubblico con il loro debutto assoluto. “Visions and Monoliths” si mostra già graficamente come un prodotto carino e ben curato, a cui fa da controparte un contenuto musicale altrettanto interessante e dagli spunti vincenti, conciso ma già abbastanza eloquente circa le idee portate avanti dalla band. Stiamo parlando di un death metal ancorato certamente ad una concezione classica del genere, ma che rifugge da una appartenenza tout cout alla vecchia scuola, per un unione di vecchio (nella musica) e nuovo (nella produzione) per niente disprezzabile. “Tombbath” apre le danze con un omaggio poco velato alla scena nord-europea del death metal, a cui sembrano rifarsi spesso i pochi brani contenuti in “Visions And Monoliths”, con Asphyx e Bolt Thrower in prima linea tra le influenze da citare: basata su di un riff portante molto coinvolgente, la canzone ci presenta tra l’altro il growl cavernicolo di Keg ed il drumming preciso e privo di grandi orpelli tecnici di Frennz, che dona grazie alla scelta di tempi un tiro notevole al primo brano presente in tracklist. “Pulsion Of Tyranny” è incentrata invece su un roccioso mid-tempo sorretto dalla doppia cassa del batterista, ancora una volta un momento decisamente riuscito per i cinque musicisti, prima di arrivare alla pausa transitoria di “Zona Del Silencio”: introdotto da sinuose chitarre classiche, questo breve intermezzo ha il compito di spezzare il ritmo mantenuto fino a questo momento, cosa questa non certo necessaria in un lavoro dal minutaggio così contenuto, ma si lascia comunque ascoltare piacevolmente nel corso del suo sviluppo. Chiude quindi la titletrack, che, introdotta da una melodia rubata direttamente dalla penna di Chris Reifert ed i suoi Autopsy, compendia in pochi minuti quanto sentito anche sulla altre canzoni: si passa infatti da un lento up-tempo in levare, già sentito sull’opener, ad un tempo medio simile alla seconda canzone, prima di assistere ad una sfuriata centrale dominata dal cantato in italiano dell’ospite David Roncai, che avvia quindi alla fine del demo. Nel complesso, tre brani più intro sono ancora pochi per valutare profondamente l’operato di una qualsiasi realtà musicale, ma bastano comunque ad attirare positivamente l’attenzione sugli Skorbutiks e su “Visions And Monoliths”, lavoro bilanciato, ben registrato e privo di sensibili scivoloni in genere realizzati da realtà alle prime armi. Bravi.

TRACKLIST

  1. Tombbath
  2. Pulsion Of Tyranny
  3. Zona Del Silencio
  4. Visions And Monoliths
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.