SLASH FT. MYLES KENNEDY AND THE CONSPIRATORS – 4

Pubblicato il 07/02/2022 da
voto
7.0
  • Band: SLASH
  • Durata: 00:45:10
  • Disponibile dal: 11/02/2022
  • Etichetta:
  • BMG

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Quando metti nella stessa stanza uno dei migliori chitarristi della storia del rock (se non a livello tecnico quanto meno come gusto melodico) e uno dei migliori cantanti del nuovo millennio difficilmente può uscire qualcosa di brutto. E infatti la quarta fatica di Slash featuring Myles Kennedy and The Conspirators, a dieci anni esatti dal battesimo di questa formazione, è tutto fuorchè un brutto disco. Eppure l’impressione ascoltando “The River Is Rising” o “Call Off The Dogs” è quella di brani perfetti per un ascolto mordi e fuggi su Virgin Radio o per rimpolpare la setlist dal vivo, ma che poco o nulla aggiungono alla carriera degli illustri protagonisti. Data la mancanza di originalità, a partire da titolo e copertina, non stupisce che i pezzi migliori siano anche quelli più autocitazionisti come “C’Est La Vie”, dove rispunta il talkbox in stile “Dust ’N Bones”, o l’ancora più ruffiana “Fill My World”, una sorta di “Sweet Child O’ Mine” 2.0 in cui il riff portante completa alla perfezione la voce calda di Myles. Altro highlight del disco è la conclusiva “Fall Back To Earth”, ballad da più di sei minuti in cui Mr. Kennedy sfida la sei corde di Slash a chi miagola più forte, prima di un outro in stile Eagles, mentre paradossalmente proprio il cantante degli Alter Bridge risulta l’anello debole nella più dark “Spirit Love” o nel rock’n’blues di “April Fool”, due brani strumentalmente perfetti ma dove, nonostante la registrazione in presa diretta, l’amalgama non sembra funzionare appieno. Tutto sommato comunque, considerando anche il groove melodico di “Whatever Gets You By” e “Speak Louder Than Words”, possiamo giudicare questo “4” alla stregua di un buon sequel: non all’altezza degli originali (e non ci riferiamo solo al periodo Guns N’ Roses) ma l’effetto nostalgia e l’ottima resa scenica lo rende comunque un ascolto piacevole.

TRACKLIST

  1. The River Is Rising
  2. Whatever Gets You By
  3. C’est la vie
  4. The Path Less Followed
  5. Actions Speak Louder Than Words
  6. Spirit Love
  7. Fill My World
  8. April Fool
  9. Call Off The Dogs
  10. Fall Back To Earth
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.