SMOULDER – Dream Quest Ends

Pubblicato il 24/03/2020 da
voto
7.0
  • Band: SMOULDER
  • Durata: 00:37:00
  • Disponibile dal: 13/03/2020
  • Etichetta: Cruz Del Sur Music
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

A seguito del notevole successo del primo full-length dei canadesi Smoulder “Times Of Obscene Evil And Wild Daring”, siamo nuovamente qui per parlare di una delle formazioni di matrice old-school più interessanti tra tutte quelle che hanno avuto modo di esordire sul mercato negli ultimi anni. Il prodotto in questione è una vera e propria perla, caratterizzata da un connubio a dir poco epico e battagliero di heavy e doom metal, con in più una gradevolissima spruzzata di power alla vecchia maniera volta ad enfatizzarne il lato più fantasy e cavalleresco.
Ad appena un anno di distanza, i Nostri tornano a stuzzicare i numerosi ascoltatori che già hanno avuto modo di avvicinarsi alla loro musica, senza però dimenticarsi di strizzare un occhio ai possibili nuovi fan, grazie a questo nuovo EP composto da ben sei tracce e intitolato “Dream Quest Ends”. All’interno della tracklist troviamo ben due inediti, di cui il primo fornisce il nome all’intera opera: si tratta di un brano assolutamente in linea con quanto fatto nel lavoro precedente, con un ritmo regolare e cadenzato ad accompagnare il massiccio guitar work, fino al sopraggiungere di un bridge acustico in cui l’ottima prestazione vocale di Sarah Ann assume una colorazione differente, anche grazie alla suggestiva armonizzazione resa possibile da un contributo maschile dietro al microfono. Il secondo inedito “Warrior Witch Of Hell” si presenta esattamente come il titolo potrebbe far pensare, ossia ancora più lento ed oscuro, con un forte carattere evocativo in grado di rappresentare quella che è a tutti gli effetti l’ascesa di una strega infernale, rigorosamente avvolta dalle fiamme e armata di tutto punto.
C’è poco da dire su quanto collocato più avanti in scaletta, anche se onorare la memoria del compianto Mark Shelton, con una cover al femminile di “Cage Of Mirrors” dei Manilla Road, è qualcosa che vale senz’altro la pena menzionare: non a caso parliamo di uno dei brani più iconici della storia dell’epic metal, con in più con un retrogusto del tutto nuovo dato in parte da una compattezza sonora chiaramente maggiore rispetto ai tempi; pur continuando a essere la sopracitata vocalist a rappresentare la differenza principale, con risultati invero più che convincenti.
La seconda metà di questo EP altro non è che una riproposizione del demo “The Sword Woman” datato 2018, con i primi tre brani incisi dagli Smoulder prima del contratto con la nostrana Cruz Del Sur Music, presenti anche nel full-length dello scorso anno, eccezion fatta per la conclusiva “The Queen Is Gone”, ancora orfana di un ruolo di rilievo in un prodotto completo.
Sebbene, per forza di cose, non si possa definire un prodotto succulento quanto il precedente, possiamo comunque dire di avere per le mani qualcosa di sfizioso e interessante, in grado di farci parzialmente ingannare l’attesa per un nuovo lavoro in studio ad opera di questa promettente realtà canadese, che siamo certi debba ancora trovare l’ispirazione necessaria a sfoderare le proprie armi più micidiali. Personalmente, noi siamo davvero molto fiduciosi.

TRACKLIST

  1. Dream Quest Ends
  2. Warrior Witch Of Hell
  3. Cage Of Mirrors (Manilla Road cover)
  4. Sword Woman (Demo version)
  5. Voyage Of The Sunchaser (Demo version)
  6. The Queen Is Gone (Demo version)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.