SMOULDER – Times Of Obscene Evil And Wild Daring

Pubblicato il 30/04/2019 da
voto
8.0
  • Band: SMOULDER
  • Durata: 00:37:21
  • Disponibile dal: 26/04/2019
  • Etichetta: Cruz Del Sur Music
  • Distributore: Audioglobe

Un titolo piuttosto lungo per il primo full-length ad opera di una recentissima formazione canadese, che tuttavia può già vantarsi di aver stipulato un contratto con la label Cruz Del Sur Music, notoriamente specializzata nella produzione e distribuzione di lavori dall’altissimo contenuto metallico e, in alcuni casi, epico ed oscuro. La proposta degli Smoulder, osservando la bellissima copertina, potrebbe infatti essere erroneamente accostata all’heavy/power metal di stampo più classico, ma la realtà è che la loro musica si avvicina decisamente di più a una sorta di epic/doom con un forte carattere heavy a rendere il tutto più aggressivo e coinvolgente. Inoltre, la scelta di aver voluto optare per una voce femminile illumina il tutto con una sorte di luce fittizia dalle tinte cremisi, trattandosi infatti di una soluzione relativamente atipica per un prodotto di questo determinato genere.
Solo sei brani per la tracklist odierna, tutti di durata relativamente contenuta, a parte la lunga e conclusiva “Black God’s Kiss”, caratterizzati da una prevalenza di parti cadenzate ed evocative, in grado potenzialmente di farci immergere in un contesto tipicamente dark fantasy in stile Michael Moorcock, in cui tempi bui sembrano prendere il sopravvento, mentre combattenti valorosi decidono di rischiare la propria vita per il perseguimento di un fine superiore, sfoggiando spade fiammeggianti e temperamenti di acciaio. La progressione tendenzialmente oscura del pacchetto viene tuttavia spezzata dalla micidiale “Bastard Steel”, trattandosi del pezzo più aggressivo e adrenalinico in assoluto, nonché uno dei più riusciti: una vera e propria tempesta di ghiaccio e lame che ci ha portato subito alla mente le prime produzioni dei leggendari Blind Guardian, con in più un testo davvero esaltante, chiaramente ispirato al Trono di Spade, e in particolar modo alle gesta di Jon Snow al momento della sua permanenza al Castello Nero, in difesa della Barriera a Nord dei Sette Regni. Dopo questa parentesi, il tiro generale torna nuovamente ad attestarsi su livelli più lenti, ma sempre mantenendo una sorta di perfetto compromesso tra i numerosi elementi luminosi, insieme a quelli più lugubri; anzi, potremmo dire di esserci trovati raramente, soprattutto negli ultimi anni, ad ascoltare un prodotto di questo genere dotato di un equilibrio così inattaccabile, in grado di rendere ogni singolo brano emozionante e memorabile, senza lasciare mai spazio a nessun tipo di potenziale mediocrità.
Sull’esecuzione c’è ben poco da dire, trattandosi di un combo di musicisti evidentemente ben consci di ciò che si accingono a fare; in particolar modo la vocalist Sarah Ann è riuscita davvero a sorprenderci, dimostrandosi dotata di tutte le capacità necessarie per interpretare al meglio le parti vocali e la pienezza compositiva che caratterizza tutto l’album. Quest’ultimo trova dalla sua parte anche una produzione quasi impeccabile, anch’essa perfettamente a metà tra l’old school e il moderno, col conseguente risultato di offrire un compromesso in grado di accontentare pressoché chiunque.
In conclusione, siamo decisamente davanti a una delle sorprese di questa prima metà del 2019, che non possiamo far altro che promuovere a pieni voti, consigliandola caldamente non solo a tutti i defender che leggono le nostre pagine, ma in generale a chi sostiene di amare certi tipi di atmosfera, abbinati naturalmente a un modo di suonare metal che sembra non passare mai davvero di moda. D’altronde, è risaputo che non si può battere il classico, e finché dal sottobosco emergono realtà come questa appare evidente che l’heavy metal è destinato a durare per sempre!

TRACKLIST

  1. Ilian Of Garathorm
  2. The Sword Woman
  3. Bastard Steel
  4. Voyage Of The Sunchaser
  5. Shadowy Sisterhood
  6. Black God's Kiss
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.