SNAKES IN PARADISE – Dangerous Love

Pubblicato il 30/06/2002 da
voto
5
Streaming non ancora disponibile

Il sestetto svedese propone un aor/hard rock melodico che prende come indubbio punto di riferimento i britannici Ten, leader indiscussi della scena attuale, oltre che formazioni fondamentali delle scorse decadi come Whitesnake, Dokken, Van Halen. “Dangerous Love” non è certo di quanto più originale il genere possa offrirci al giorno d’oggi, ed anzi troppo spesso durante le dodici canzoni che compongono questo lavoro si viene assaliti da una strana sensazione di ‘già sentito’ che trasforma il contenuto dell’album in una noiosa raccolta di songs, aggravate tra l’altro da una produzione troppo ‘clean’ dove le chitarre sono spesso mixate a basso volume.
Il primo brano “Come On Join The Party” ed il secondo “Dangerous Love” ricordano vagamente i Van Halen del primo periodo, particolarmente nei ritornelli con le chitarre sempre in bella evidenza; sembrerà strano ma, continuando con l’ascolto, si arriva addirittura ad un episodio in cui si sfiorano lidi estremamente commerciali, e mi riferisco in particolar modo alla strofa di “Calm Before The Storm”, che ricorda gli U2 di qualche brano passato migliaia di volte in televisione ed alla radio.
L’ascolto continua, ed arriviamo a “There’s Something You Hiding”, una ballad, anche molto carina, ma che con una produzione migliore avrebbe potuto sicuramente rendere di più; dopo due brani completamente anonimi arriva “Let The New World Surround Us” traccia che riporta un po’ di linfa vitale ad un album che a tratti rischia davvero di scadere nel banale.
Dopo un’altra canzone quasi da dimenticare, “House Of Fire” (se fosse stata la cover di Alice Cooper avrebbe sicuramente potuto sollevare le sorti del disco), arriva “Devils Fire”, una delle proposte migliori della band, ma che non basta purtroppo a cancellare i tanti episodi sottotono; “Endless Higway” e “Move On”, altri due brani appena sufficienti, chiudono un disco che mostra di avere a malapena le carte per accontentare gli affezionati del genere. Un album mediocre, che non so fino a che punto possa essere oggetto di un acquisto.

TRACKLIST

  1. Come On Join The Party
  2. Dangerous Love
  3. Fire Fire
  4. Calm Before The Storm
  5. There's Something You Hiding
  6. I Sould Have Known Better
  7. Give And Take
  8. Let The New World Surround Us
  9. House Of Fire
  10. Devils Fire
  11. Endless Highway
  12. Move On
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.