SOILWORK – Death Resonance

Pubblicato il 02/08/2016 da
voto
6.0
  • Band: SOILWORK
  • Durata: 01:01:21
  • Disponibile dal: 08/19/2016
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Dopo la classica crisi di mezza età, a cavallo degli anni ’10 e accompagnata dai primi scossoni di line-up, i Soilwork sembrano negli ultimi anni aver ritrovato la vena compositiva degli esordi, e così tra full-length, EP e live album siamo tornati grossomodo al ritmo di un’uscita all’anno, come avveniva agli inizi del millennio. In attesa di vedere che impatti avrà la recente dipartita di Dirk Verbeuren, Speed e soci occupano la casella del 2016 con una raccoltà di rarità e b-sides, arricchita per l’occasione da due brani inediti. Per la verità proprio la coppia in apertura – il primo singolo “Helsinki” e la title track – non lasciano particolarmente il segno, sfigurando anche di fronte a “The End Begins Below The Surface” (bonus track dell’ultimo “The Ride Majestic”). Il piatto forte è sicuramente rappresentato con le tracce che vanno dalla 4 alla 8 – riprese dall’EP “Beyond The Infinite”, ad ulteriore testimonianza dell’ottimo stato di forma vissuto dalla band svedese in quel periodo -, mentre la seconda metà della tracklist presenta versioni remixate delle bonus track di  “The Panic Broadcast”, “Sworn To A Great Divide” e “Stabbing The Drama”. Detto che la qualità delle tracce è in linea con la tracklist regolare dei relativi album di provenienza, chi segue i Soilwork da sempre avrà probabilmente già familiarità con le varie “Martyr” o “Wherever Thorns May Grow” (entrambe incluse all’epoca nelle deluxe edition europee), peraltro ascrivibili tra gli episodi migliori di questo lato B. Il giudizio complessivo, come spesso in questi casi, non può quindi che essere interlocutorio: i fan più completisti (verosimilmente già in possesso di larga del materiale qui presente) e i neofiti (cui consigliamo i primi quattro e gli ultimi due dischi su Nuclear Blast) possono passare oltre, mentre per i seguaci più ‘distratti’ Death Resonance” potrebbe essere un dischetto interessante, presentando almeno una decina di brani all’altezza del nome stampato in copertina.

TRACKLIST

  1. Helsinki
  2. Death Resonance
  3. The End Begins Below The Surface
  4. My Nerves, Your Everyday Tool
  5. These Absent Eyes
  6. Resisting The Current
  7. When Sound Collides
  8. Forever Lost In Vain
  9. Sweet Demise
  10. Sadistic Lullabye
  11. Overclocked
  12. Martyr
  13. Sovereign
  14. Wherever Thorns May Grow
  15. Killed By Ignition
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.