SOL SISTERE – Sol Sistere

Pubblicato il 13/10/2021 da
voto
7.5
  • Band: SOL SISTERE
  • Durata: 01:00:39
  • Disponibile dal: 15/10/2021
  • Etichetta:
  • Cult Of Parthenope

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

Terzo album in cinque anni per i Sol Sistere, i quali decidono di autointitolare questa loro nuova opera, forse per sottolineare il raggiungimento di un importante traguardo, assieme al conseguimento di una propria maturità artistica. In effetti, “Sol Sistere” sembra racchiudere al suo interno tutte le esperienze e le sfumature che sinora hanno contraddistinto il percorso del gruppo cileno. Più mellifluo del precedente “Extinguished Cold Light” – sin qui il capitolo maggiormente violento della discografia – ma al tempo stesso più avvolgente e lungo del vivace debut album “Unfolding Incorporeal Vacuum”, il ritorno della band è un disco dalla vena sospesa e umbratile, sulla quale aleggia un forte senso di malinconia, ma anche una sottile tensione alimentata dagli ingredienti base della componente black metal del sound, ovvero blastbeat, screaming vocals e altri “elementi di disturbo” tipici del genere. Tuttavia, se su “Extinguished…” i Sol Sistere avevano spinto verso sonorità più crude, rievocando temi prettamente swedish black metal in ampi tratti della tracklist, con questo nuovo lavoro è l’anima più moderna, di estrazione post black metal, ad assumere il ruolo di protagonista, suggerendo spesso un mood crepuscolare, un carattere maggiormente dinamico e accrescendo così la sensazione di trovarsi di fronte a un’esperienza intrisa sì di onirico, ma anche di delicatezza.
Esemplari in questo senso brani come “The Narrow Path”, “Unspoken Verb” o “Sol Sistere”, tra i più riusciti nel loro lasciarsi guidare da arie madide di uggiosa malinconia, sovente costruite grazie a linguaggi post rock, per un risultato altamente melodico e inebriante, dove a restare impresso è soprattutto il rinnovato carattere sereno della proposta, piuttosto che le velleità più estremiste. Verrebbe ora da accostare la band a realtà come Der Weg Einer Freiheit e Winterfylleth, tuttavia un ascolto attento riuscirà presto a suggerire l’identità acquisita dal quintetto sudamericano, qui quasi sempre piuttosto ispirato e assai abile nel destreggiarsi fra severità e intenso lirismo, vecchia e nuova scuola, mantenendo inoltre un insolito carattere orecchiabile in numerosi passaggi. Musica da riflessione, dai tempi distesi, certo ideale per coloro che amano atmosfere contemplative e intime – e magari anche una punta di immediatezza – in ambito black contemporaneo, alla quale lasciarsi andare felici di venirne quasi storditi.

TRACKLIST

  1. The Shimmer Pt 1
  2. The Narrow Path
  3. Ashes
  4. Nothofagus
  5. Black Mass
  6. The Shimmer Pt II
  7. Unspoken Verb
  8. Sol Sistere
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.