SONATA ARCTICA – Reckoning Night

Pubblicato il 26/10/2004 da
voto
6.5
  • Band: SONATA ARCTICA
  • Durata: 00:54:10
  • Disponibile dal: 26/10/2004
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Chi avrebbe mai pensato che i finlandesi Sonata Arctica avrebbero ottenuto così tanto successo? Solo pochi anni fa supportavano Rhapsody e Stratovarius in tour ed oggi i giovani nordici cavalcano le metal charts nazionali e non. Senza nulla togliere al valore della band, tutti musicisti più che preparati, i Sonata Arctica hanno indubbiamente saputo sfruttare il momento propizio per il power metal, trainato da Stratovarius e pochi altri, per ritagliarsi una solida e stabile posizione. “Reckoning Night” è il quarto album del quintetto, e pur non portando praticamente alcuna novità, ha il pregio essere tanto orecchiabile da ipnotizzare subito l’ascoltatore poco esperto del genere. Nonostante momenti più cadenzati e lenti come “Blinded No More”, la band da il meglio su canzoni veloci, sparate a centottanta di metronomo, come “Ain’t Your Fairytale”! Per fortuna i finnici non torturano i nostri timpani con canzoni dalla batteria a frullatore per tutto il disco, difatti la seconda parte di “Reckoning Night” contiene episodi più passionali, vedi, “White Pearl, Black Ocean…”, lunghissima suite non troppo complessa a dire il vero, ma certamente d’impatto, oppure “Shamandalie”, una ballad in cui spicca il cantato di Tony Kakko, che per una volta dimentica il suo proverbiale gelo e si concede in un’interpretazione sentita e convincente. “Reckoning Night”, come ogni disco di punta della potente Nuclear Blast si presenta al pubblico come un prodotto confezionato impeccabilmente, d’altro canto dai Sonata Arctica si va a colpo sicuro, sono bastati quattro disco per esaurire tutte le sorprese. Un po’ poco…

TRACKLIST

  1. Misplaced
  2. Blinded no more
  3. Ain’t your fairytale
  4. Reckoning day, reckoning night
  5. Don’t say a word
  6. The Boy Who Wanted to Be a Real Puppet
  7. My Selene
  8. Wildfire
  9. White pearl black oceans
  10. Shamandalie
  11. Wrecking the spere (bonus track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.