SONIC SYNDICATE – Confessions

Pubblicato il 29/09/2016 da
voto
6.5
  • Band: SONIC SYNDICATE
  • Durata: 00:44:45
  • Disponibile dal: 10/14/2016
  • Etichetta: Despotz Records
  • Distributore: Andromeda

Amami od odiami, ma risparmiami l’indifferenza. Serve la saggezza dei baci Perugina per immaginare quello che dev’essere passato nella testa dei Sonic Syndicate dopo essersi resi conto nell’ordine che 1) era ormai calato il sipario sulla telenovela mediatica con i cugini-rivali, ormai al secondo album con i The Unguided 2) la Nuclear Blast, evidentemente poco soddisfatta dai risultati dell’omonimo album rientro del 2014, li aveva tagliati 3) la bassista-MILF Karen, principale motivo di attrazione per buona parte del pubblico maschile, si è ritirata per fare la mamma a tempo pieno. Tutto ciò premesso, dopo aver finito di lavorare ad un nuovo disco che immaginiamo simile al precedente (ovvero un modern metal all’acqua di rose), il chitarrista Robin (unico membro fondatore superstite) e il singer Nathan Biggs si sono guardati nelle palle degli occhi e hanno deciso di buttare tutto nel cestino, ripartendo da zero con uno stile completamente rinnovato. Detto fatto, il risultato è “Confessions”, un album che nulla ha a che vedere con i Sonic Syndicate di “Only Inhuman” e “Love And Other Disasters”, riprendendo viceversa l’anima più pop intravista tra i solchi di “We Rule The Night” ed amplificandola all’ennesima potenza, strizzando palesemente l’occhio al sound degli ultimi 30 Seconds To Mars e dei BMTH di “That’s The Spirit”. Il risultato, dobbiamo ammetterlo, è talmente spiazzante che di primo acchito la tentazione è quella di liquidarlo con una sonora stroncatura, ma col passare degli ascolti e sgomberando la mente dai pregiudizi emergono gli aspetti positivi (l’intro a là Rhianna di “It’s A Shame”, il ritornello di “Start A War”, le ritmiche sincopate di “I Like It Rough”, la punteggiatura elettronica di “Crystalize”, le chitarre acustiche di “Closure”) e, in generale, il mood positivo di un album che, genuino o studiato a tavolino che sia, riesce a trasmettere vibrazioni positive, a conti fatti più contagiose di quanto non lo fossero quelle ‘pestone’ degli ultimi lavori. Certo, anche se i Sonic Syndicate non erano i Nasum, fa comunque impressione non trovare in tutto il disco un mezzo scream o un distorsore degno di questo nome – ragion per cui sarebbe stato più coerente un cambio di monicker -, tuttavia la nuova veste ha comunque un suo perchè, e permette di valorizzare al meglio la bella timbrica del già citato Nathan Biggs. Olly Sykes e Jared Leto restano ad un livello ben superiore, ma ci sentiamo comunque di promuovere con una sufficienza piena “Confessions”. Avvertenza finale: i puristi del melodic-death si astengano dall’ascolto, mentre chi da giovane aveva una passione segreta per ‘N Sync e boyband assortite aggiunga pure mezzo punto al voto in calce.

TRACKLIST

  1. Confessions
  2. It's A Shame
  3. Start A War
  4. Falling
  5. I Like It Rough
  6. Still Believe
  7. Crystalize
  8. Burn To Live
  9. Life Is Not A Map
  10. Russian Roulette
  11. Closure
  12. Halfway Down The Road
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.