SONIC SYNDICATE – Love and Other Disasters

Pubblicato il 29/08/2008 da
voto
6.5
  • Band: SONIC SYNDICATE
  • Durata: 00:40:20
  • Disponibile dal: 19/09/2008
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Ci risiamo. Dopo la vittoria nel contest indetto l’anno scorso dalla Nuclear Blast – una sorta di “X-Factor” con Anders Friden in versione DJ Francesco – che ha permesso loro di dare alle stampe il precedente “Only Inhuman” sotto l’egida della potente etichetta tedesca, i Sonic Syndicate ci riprovano ora con questo “Love and Other Disasters”, terzo full-length ed auspicabile disco della maturità per la band dei fratelli Sjunnesson. Duole invece constatare come, lungi dallo scrollare di dosso ai nostri l’etichetta di boy-band del metal, il nuovo lavoro del sestetto svedese appaia sempre più votato all’airplay radiofonico diurno e notturno, con risultati tuttavia non sempre all’altezza delle aspettative: stavolta infatti, oltre alle consuete sferzate modern metal mutuate dagli ultimi Soilwork ed In Flames, trovano posto in scaletta ben due ballad (“My Escape” e “Contraddiction”) che riescono a strappare più sbadigli che lacrime. Per nostra fortuna il resto della tracklist viaggia su ritmi più elevati e, pur facendo riferimento ad una formula compositiva ormai prevedibile come la trama di un film porno, riesce a piazzare qualche ritornello vincente: tra gli episodi migliori in tal senso segnaliamo “Jack of Diamonds”, “Damage Control” e “Affliction”, anche se, grazie agli innumerevoli “consigli per l’acquisto” sapientemente inseriti dai guru del marketing di casa Nuke in ottica anti-download, risulta arduo cogliere al meglio il valore delle singole tracce. Non serve viceversa un orecchio allenato per apprezzare l’ottima produzione, mentre lasciamo al volenteroso ascoltatore il piacere di scoprire i testi pregni di lirismo della formazione scandinava (anche se sarà difficile bissare in questo senso il livello del precedente platter, dove facevano bella mostra di sé strofe come “You’re someone for the world, but you’re the world for someone”, con ogni probabilità copiata dalla Smemo di seconda media della graziosa bassista Karin). Facezie a parte, ci troviamo dunque di fronte ad un lavoro che, pur ponendosi un gradino al di sotto del suo predecessore, potrebbe strappare qualche ascolto agli appassionati del genere, ovviamente a patto di consumarlo entro e non oltre la data di scadenza: decorso tale termine sappiate che non solo la custodia ma anche il relativo dischetto potranno agevolmente trovare posto nel contenitore “Plastica” della vostra raccolta differenziata.

TRACKLIST

  1. Encaged
  2. Hellgate: Worcester
  3. Jack of Diamonds
  4. My Escape
  5. Fallout
  6. Power Shift
  7. Contradiction
  8. Damage Control
  9. Red Eyed Friend
  10. Affliction
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.