SONNE ADAM – Messengers Of Desolate Ways

Pubblicato il 10/09/2012 da
voto
7.0
  • Band: SONNE ADAM
  • Durata: 01:10:00
  • Disponibile dal: 05/09/2012
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Gli israeliani Sonne Adam si sono recentemente separati dal cantante/bassista Dahan, ma questo split inaspettato (almeno per i fan) non pare proprio aver messo i bastoni tra le loro ruote. Difatti, il gruppo, ora guidato dal chitarrista/cantante Davidov, sarà in tour con i Grave nel mese di settembre e, in concomitanza con l’inizio di questa serie di date europee, darà anche alle stampe la raccolta intitolata “Messengers Of Desolate Ways”. Il CD in questione contiene un EP di inediti intitolato “Doctrines Of Dark Devotion” – che prossimamente verrà pubblicato in vinile dalla Imperium Productions – più i vecchi EP “Armed With Hammers” e “The Sun Is Dead”, in origine rilasciati rispettivamente nel 2010 e agli inizi di quest’anno; completano la tracklist un altro inedito intitolato “No Blood Flow” e due versioni di una cover di “Funeral Marches To The Grave” dei black metaller norvegesi Thorns. L’opera si apre proprio con il nuovo materiale, che porta il death metal occulto della formazione su lidi ancora più maligni rispetto a quelli che abbiamo avuto modo di esplorare e conoscere sull’apprezzatissimo debut album “Transformation”; in un brano come “Hater Of Mankind” viene infatti dato un peso maggiore alla componente atmosferica, che, nel caso dei Sonne Adam, è completamente deviata e vibrante, non lontana da certe riflessioni del filone black-doom, mentre una “Bestow The Crown Of Death” colpisce per il suo riffing velenoso, spezzato da un arpeggio tanto inaspettato quanto destabilizzante. Questo tipo di soluzioni ben si sposa con il classico afflato strumentale dei Nostri, sospeso nuovamente tra primissimi Paradise Lost, Incantation e i Morbid Angel più opprimenti. Notevole, insomma, pure questo nuovo lotto di brani, che prepara al meglio per l’ascolto delle vecchie canzoni del gruppo, che già agli esordi aveva diverse frecce al proprio arco. “Armed With Hammers” è infatti un altro gioiellino di death metal arcano, così come risultano vincenti le due tracce di “The Sun Is Dead”, mortifere come da recente tradizione Sonne Adam, ma un tantino più ritmate e catchy. Piacevole infine la cover di “Funeral Marches…” (ma già l’originale è un gran pezzo), mentre l’altro inedito “No Blood Flow” si distacca dal resto per via dell’attacco in uptempo e di un’impronta death metal tutto sommato più canonica. “Messengers Of Desolate Ways” è dunque una compilation speciale: le composizioni degli esordi vengono portate all’attenzione del “grande” pubblico – come è giusto che sia – ma accanto a quest’opera di riesumazione troviamo l’importante valore aggiunto di “Doctrines Of Dark Devotion”, ovvero sei tracce nuovissime che fungeranno da ponte fra “Transformation” e il prossimo full-length della band. I fan che presenzieranno agli imminenti concerti potranno acquistarlo in anteprima.

TRACKLIST

  1. Hater Of Mankind
  2. The Day I Chose To Rot
  3. World Of Everlasting Darkness
  4. Bestow The Crown Of Death
  5. The Deceiver Of The Desolations
  6. Olam Belehavoth
  7. Funeral Marches To The Grave (Thorns cover)
  8. The Way
  9. Armed With Hammers
  10. The Serpents Harvest (Darkthrone cover)
  11. I Dream The Devil Sign
  12. No Blood Flow
  13. The Sun Is Dead
  14. Inside His Mark
  15. Funeral Marches To The Grave (Thorns cover) (Melek-Tha mix)
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.