SOULLINE – The Deep

Pubblicato il 08/12/2018 da
voto
7.5
  • Band: SOULLINE
  • Durata: 00:43:45
  • Disponibile dal: 19/09/2018
  • Etichetta: Profane Records
  • Distributore:

Gli Svizzeri tornano oggi sul mercato dopo tre anni dal discreto “Welcome My Sun”, operetta melodeath dai lati chiaroscuri che purtroppo non riuscì a farci sobbalzare dalla sedia. Questo “The Deep”, invece, ci prende subito dalla collottola nemmeno fossimo dei gattini di primo pelo, e ci sbalza di qua e di là, piacendo e sorprendendo. Una commistione di hardcore metalizzato, melodie gothic, e scuola Goteborg davvero da manuale, con un gusto ritrovato per il riffing e le aperture melodiche nei ritornelli che fanno sognare. Tracce quali “Leviathan” e “Cool Breeze”, poste tatticamente in apertura di danze, hanno finalmente un grande respiro internazionale, dando una corposa spinta verticale al combo ticinese, grazie al loro micidiale appeal radiofonico, succosi riff e ottime partiture vocali, incluse anche delle piacevoli aperture in pulito che strizzano l’occhio al grande pubblico dei teen. Con le seguenti “The Fall” e “Filthy Reality”, pezzi gustosi anche se leggermente di ‘mestiere’ sentiamo forte un certo richiamo al recente passato della band con reminiscenze dell’ultimo “Welcome My Sun”, mentre con “The Game”, i Nostri esplorano il loro lato più hardcore d’oltreoceano, continuando a mantenere il solito occhio di riguardo nei confronti dell’orecchiabilità, e architettando un incidere da rock a tutto muscoli e mascella.“Deepest Me”, più misurata nel suo incedere è un midtempo che si declina con calma ed epicità, andando a sollazzare l’ascoltatore su note del più puro Gothemburg sound secondi anni ‘90, fatto di riff potenti ed armonizzazioni sognanti, e la successiva “Still Mind”, fanalino di coda, ha nel riff durante il ritornello il suo punto più memorabile, chiudendo questo lavoro e lasciandoci con una sensazione di grande soddisfazione per i tre quarti d’ora appena trascorsi.
Prova maiuscola questa per il quintetto di Bellinzona, che sforna uno dei propri lavori più validi ad oggi, degna coronazione di una carriera quasi ventennale fatta di alti e bassi, ma che mostra comunque una band che ha accumulato un bagaglio esperienziale importante e che, volenti o nolenti, sa scrivere della ottima musica.

TRACKLIST

  1. Leviathan
  2. Cool Breeze
  3. Nightmare
  4. The Fall
  5. Filthy Reality
  6. Into Life
  7. The Game
  8. Deepest Me
  9. The Deep End
  10. Still Mind
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.