SOUTHERN DRINKSTRUCTION – Southern Drinkstruction

Pubblicato il 26/08/2008 da
voto
6.5

Buona presentazione per questo trio capitolino che si presenta al pubblico con un promozionale di cinque canzoni ben confezionato e caratterizzato da una produzione professionale. La band romana dimostra nel corso delle cinque tracce di avere le idee piuttosto chiare sulla direzione musicale da intraprendere volgendo il proprio sguardo ai mitici Black Sabbath omaggiati in più di un’occasione dal riffing pachidermico e dalle ritmiche rallentate che caratterizzano gran parte delle canzoni. La scelta dei suoni invece tende a voler appesantire il sound generale, spostando il baricentro verso lidi death metal e a conferma di questo giunge anche il growl potente del singer Southern Bastard. Il songwriting mostra qualche lacuna dal punto di vista della scorrevolezza durante le prime tre canzoni, mentre ci regala interessanti spunti death n’ roll in “Suck. Duck. Truck. Fuck” e nella titletrack conclusiva, facendo emergere l’accostamento agli Entombed più recenti. Da citare anche la simpatica introduzione tratta dal film “Il buono, il brutto e il cattivo” (per la precisione la mitica frase: “Ehi biondo, lo sai di chi sei figlio tu?”), che si fonde alla perfezione con il riff granitico dell’opener “Vultur Mountain”.

TRACKLIST

  1. Vultur Mountain
  2. My Only Words
  3. The Cursed Track
  4. Suck. Duck. Truck. Fuck.
  5. Southern Drinkstruction
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.