SPIRIT ADRIFT – Curse Of Conception

Pubblicato il 19/10/2017 da
voto
7.5
  • Band: SPIRIT ADRIFT
  • Durata: 00:46:47
  • Disponibile dal: 06/10/2017
  • Etichetta: 20 Buck Spin
  • Distributore: Audioglobe

Nate Garrett, atto secondo: l’artista americano made in Arizona compie l’ennesimo passo verso la propria rinascita artistica e, crediamo, vitale. Dopo l’esordio dello scorso anno targato “Chained To Oblivion”, il singer statunitense ha messo nuovamente in moto il suo Spirit Adrift per quello che si preannuncia un nuovo viaggio all’interno del proprio ‘io’, fatto di cadute, riprese, momenti di assoluta disperazione alternati ad autentiche manifestazioni di energia positiva, trovando le opportune valvole di sfogo utili a cacciare quei demoni che per anni hanno invaso il tuo stato d’animo portandoti alle porte della distruzione. E’ questo, in sintesi, il cammino percorso dallo stesso Garrett quando, ormai abbattuto dall’alcol, ha deciso di gettare ogni speranza di ripresa nel profondo doom mettendo in piedi il proprio intimo progetto che, in realtà, chiama a sè più sottogeneri, rivelando in tutto e per tutto le numerose sfaccettature di una personalità a dir poco complicata come quella del polistrumentista a stelle e strisce. Doom, ma anche stoner, stacchi più psichedelici aggrovigliati a passaggi heavy in stile NWOBHM, giusto per sottolineare il continuo saliscendi di emozioni che contraddistingue il qui presente “Curse Of Conception”. Difficile del resto trovare il giusto aggettivo da affibbiare a questo full-length. Rabbioso? Malinconico? Ottimista? Forse tutti e tre insieme o forse nessuno. E’ certo che ogni singolo brano è meritevole di più ascolti in modo da scoprire, o quantomeno cercare di farlo, cosa si nasconde dietro quello specifico intermezzo musicale o quella determinata parola. A partire dall’opener “Earthbound”, il cui inizio in acustico lascia quindi spazio al grido quasi disperato di Garrett che, diversamente dal primo album, in cui, oltre a quelle liriche, si era interamente occupato anche delle parti strumentali, in “Curse Of Conception” si avvale del contributo di Chase H.Mason al basso, Marcus Bryant alla batteria e di Jeff Owen come secondo chitarrista. “Siamo legati alla terra” – canta Garrett – “imprigionati nelle nostre menti”, su una ritmica che si muove su lidi simil-Metallica, seppur molto cadenzati. I toni si ‘sabbathizzano’ nel successivo pezzo, la title track: una cattivissima “Curse Of Conception” che è semplicemente perfetta nei suoi continui cambi di ritmo, rispecchiando in pieno la maledetta concezione ben rappresentata dalla cover dell’album, magistralmente prodotta da tal Joe Petagno. Introspezione che si fa ancora più profonda in “To Fly On Broken Wings” in cui gli Spirit Adrift, mischiando ancora una volta le mille variabili metal, si avvicinano in alcuni punti ai primi Amorphis, mentre Garrett canta la volontà di poter volare più in alto, seppur su ali rotte. Come scritto poco sopra, ogni brano porta con sé una breve storia, lirica e soprattutto musicale: da parte sua, infatti, “Starless Age (Enshrined)”, dopo un inizio traboccante di doom, assuma una piega maggiormente heavy, ritagliandosi un finale dal sapore quasi maideniano. Il viaggio prosegue e dopo la nevrotica “Graveside Invocation”, è “Spectral Savior” a segnare un ulteriore punto a favore per la band americana: lenta, pesante e riflessiva al punto giusto, ottima testimonianza di fusione tra doom e classic metal. Il tutto prima dell’orientaleggiante “Wakien”: brano strumentale dalle forti tinte psichedeliche. Una sorta di pausa riflessiva ad anticipare la granitica “Onward, Inward” in cui i richiami a band fondamentali quali i Saint Vitus e The Obsessed fanno capolino in quello che si dimostra anche essere il brano più heavy dell’intero lotto. Un album ‘maledetto’ per un gruppo che, forse, ha trovato (o sta trovando) la propria consacrazione, in primis il suo leader. Da seguire attentamente.

TRACKLIST

  1. Earthbound
  2. Curse Of Conception
  3. To Fly On Broken Wings
  4. Starless Age (Enshrined)
  5. Graveside Invocation
  6. Spectral Savior
  7. Wakien
  8. Onward, Inwward
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.