STAMINA – Two Of A Kind

Pubblicato il 24/01/2011 da
voto
7.0
  • Band: STAMINA
  • Durata: 01:05:51
  • Disponibile dal: 08/10/2010
  • Etichetta:
  • Distributore:

A due anni di distanza dal fortunato debutto “Permanent Damage” gli Stamina ritornano con la novità del guest Alessandro Beccati alla batteria in sostituzione del dimissionario Luigi DiBernardo. Il neo citato drummer in realtà non è l’unico ospite in casa Stamina perché a celebrare l’evento del secondo capitolo in studio ci sono anche Kenny Lubcke (Narita, Andre Andersen, Cornerstone) e Henry Brockmann (ex Royal Hunt, Evil Masquerade, Missing Tide), ad affiancare con successo in taluni episodi l’ottimo singer Giorgio Adamo in possesso di una timbrica alta e graffiante al tempo stesso. La band di origine salernitana mantiene intatte le proprie peculiarità sonore e pur non mancando di tributare i vari Rainbow, Malmsteen e Royal Hunt, riesce ancora una volta nel difficile compito di mantenere viva la propria personalità in virtù di una accentuata vena progressiva rintracciabile negli svariati assoli ma anche nella fantasia ritmica mostrata attraverso le tracce. Il duo Sellitto-Barone, il primo alla chitarra e il secondo alle tastiere mostra capacità tecniche sopra la media riuscendo tuttavia a conciliare i numerosi virtuosismi con un feeling intenso che non si limita a rincorrere le pluri sentite scale neoclassiche. “Two Of A Kind” presenta un songwriting gradevole che non mostra eccessivi cali di tensione pur denotando nel finale una minor incisività nelle linee vocali come dimostrano pezzi ben strutturati ma neppure entusiasmanti quali “Heart Of The World” e “Mystery”, più ispirata appare invece la prima parte dell’opera grazie al refrain irresistibile dell’opener “Eyes Of The Warrior”, il bellissimo solo della successiva “Burn Your Fears” o l’inaspettato cambio d’umore di una sorprendente “Power Of Love”. Le influenze progressive prendono corpo all’interno delle canzoni con straordinaria facilità, come dimostra “To Tired To Live”, mid-tempo atmosferico caratterizzato da preziosi arrangiamenti corali e “Maker Of The Universe” che dopo un elegante parte strumentale evidenzia intriganti partiture ’70 al suo interno.
Le qualità tecnico-compositive degli Stamina sono da tenere in forte considerazione, non è da tutti entrare in un genere dai facili clichè come il metal neoclassico con tale padronanza, il finale leggermente spuntato e una produzione più efficace soprattutto per quanto riguarda la chitarra ritmica toglie qualche punto ma siamo pur sempre al cospetto di un lavoro di grande qualità.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Eyes Of The Warrior
  3. Burn Your Fears
  4. Too Tired To Live
  5. Power of Love
  6. Supremacy
  7. Maker of the Universe
  8. Mystery
  9. Black Moon
  10. Heart of the World
  11. When the Feeling is Real (bonus track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.