STEEL PANTHER – Live From Lexxi’s Mom’s Garage

Pubblicato il 07/03/2016 da
voto
7.0
  • Band: STEEL PANTHER
  • Durata: 00:42:17
  • Disponibile dal: 26/02/2016
  • Etichetta: Kobalt
  • Distributore:

Tra il serio e il faceto, gli Steel Panther hanno progressivamente conquistato uno spazio sempre più ampio nei cuori di tutti i nostalgici e gli appassionati del coloratissimo hair metal degli anni Ottanta, genere che da qualche anno a questa parte sta vivendo un’inaspettata seconda gioventù. Nel corso degli ultimi anni i quattro protagonisti hanno realizzato, con innegabile competenza e sagace ironia, una manciata di dischi divertenti e tutto sommato ben riusciti, conditi da liriche esageratamente sconce ed ilari. Quest’ultimo prezioso valore aggiunto ha permesso loro di ottenere una spiccata visibilità mediatica a livello internazionale, ubicandoli senza dubbio alcuno sul medesimo piano dei ben più eclettici Tenacious D. In questa occasione, Michael Starr & C. mischiano nuovamente le carte, realizzando il loro primo disco dal vivo in chiave acustica, nel quale vengono riletti dieci tra i più divertenti episodi inchiostrati dalla loro penna fluorescente. Registrato con attrezzature professionali all’interno dell’ampio e lussuoso Swing House Rehearsal & Recording di Los Angeles, “Live From Lexxi’s Mom’s Garage” tende a stravolgere quella spiccata atmosfera intima tipica dei celebri unplugged di metà anni Novanta, a favore di un rumoroso party dominato dalla presenza di un nutrito numero di giovani e urlanti pollastre. Frizzanti boutade traslate in musica come “Party Like Tomorrow Is The End Of The World”, “Gloryhole” e “Bukkake Tears” lasciano ben poco spazio all’immaginazione, ma al contempo brillano di luce propria brani (musicalmente) più intimi e passionali come “Fat Girl (Thar She Blows)” e “The Burden Of Being Wonderful”. Consigliamo senza indugio l’acquisto del pacchetto completo in versione CD/DVD, arricchito da una serie di irresistibili siparietti, sistematicamente posti tra un brano e l’altro, ereditati dalle più becere situation comedy americane. A tal proposito, spicca la presenza della bionda Bobbie Jean Brown, nota ai più per aver interpretato il ruolo di protagonista nel videoclip di “Cherry Pie” dei Warrant. In questa occasione, l’avvenente milf veste i panni della piacente mamma del bassista Lexxi Fox, suo malgrado coinvolta in una serie di imprevisti salaci, che aggiungono ulteriore pepe ad un prodotto già di per sé appetibile. American Pie atto V: ciak, si gira!

TRACKLIST

  1. Show Intro/Say Yeah!
  2. Party Like Tomorrow Is The End Of The World
  3. Fat Girl (Thar She Blows)
  4. If You Really, Really Love Me
  5. Gloryhole
  6. Bukkake Tears
  7. The Burden Of Being Wonderful
  8. Weenie Ride
  9. That's When You Came In
  10. Michael Don't Know
  11. Community Property
  12. Grindy And Sexy
  13. Death To All But Metal
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.