STEEL RAISER – Unstoppable

Pubblicato il 07/07/2015 da
voto
8.0
  • Band: STEEL RAISER
  • Durata: 00:42:52
  • Disponibile dal: 26/06/2015
  • Etichetta: Iron Shield records
  • Distributore:

I catanesi Steel Raiser giungono al rispettabile traguardo del terzo full-length, che segue dopo due anni l’ottimo “Regeneration”. La formazione della band è ormai consolidata (praticamente è rimasta sempre la stessa sin dagli esordi) e ciò ha consentito a questi ragazzi di raggiungere un’intesa formidabile e di lavorare sul proprio stile che, pur essendo di chiarissima derivazione priestiana, presenta comunque un proprio marchio di fabbrica. Le chitarre di Gianluca Rossi e Giuseppe Seminara macinano riff a valanga, duettando e dialogando tra fraseggi ed assoli, sorretti da una sezione ritmica solida e dirompente, composta da Salvo Pizzimento (basso) e Antonio Portale (batteria). Come sempre, poi, dietro ai microfoni, ritroviamo la voce esuberante e trascinante di Alfonso Giordano, che probabilmente in questo nuovo lavoro riesce a raggiungere il suo apice espressivo. Senza grossi clamori o fanfare, gli Steel Raiser realizzano ancora una volta un bel disco, nel quale riescono a far trasparire tutta la loro passione: “Unstoppable” è puro heavy metal, quello classico, quello che non tramonterà mai, a dispetto di quali possano essere le mode o i trend del momento. L’album è composto dunque da dieci tracce, con le quali i Nostri, sin dal riff iniziale dell’opener “Inexorable”,trascinano subito l’ascoltatore in mezzo ad un marasma di metallo colante, puro, senza fronzoli o orpelli di sorta. Talvolta affiora anche qualche influenza del power tedesco (Grave Digger, Running Wild, Helloween): emblematica, in tal senso, una traccia come “Fast As The Light”. Peraltro, va osservato che anche quando la band si concede qualche momento più introspettivo, come nel caso della splendida “Dreaming Of You”, non rinuncia minimamente alla potenza e alla velocità. Un disco dunque di assoluto valore, con highlights quali la già citata “Inexorable”, “Decapitator” (per la quale è stata realizzato un videoclip) e la titletrack. Da segnalare però almeno un altro paio di brani: “The Last Tears” è una traccia che appare più influenzata dal periodo di “Nostradamus” dei Judas Priest, con una forte presenza di tastiere e nella quale compare anche una voce femminile, quella di Nadia Orlando dei Refuge of Dream. Dell’altra traccia a cui facevamo riferimento, “Scent Of Madness”, sono state realizzate invece due versioni, entrambe incluse nel cd: una classica, che già così funziona indubbiamente bene e un’altra invece impreziosita dal virtuoso del basso Dino Fiorenza, che riesce ad inserire nel contesto del brano un assolo a dir poco geniale, rendendo la canzone davvero particolare. Insomma, “Unstoppable” non è affatto un disco scontato e sa riservare anche qualche sorpresa. Ciò che a questo punto è scontato, semmai, è che ne consigliamo sicuramente l’ascolto a tutti gli amanti dell’heavy classico.

TRACKLIST

  1. Inexorable
  2. Decapitator
  3. Fast As Light
  4. Scent Of Madness
  5. Dreaming Of You
  6. Thousand Blades
  7. Unstoppable
  8. Mole Breaker
  9. The Last Tears (feat.Nadia Orlando)
  10. Scent Of Madness (feat.Dino Fiorenza)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.