STEVE HACKETT – Beyond The Shrouded Horizons

Pubblicato il 21/09/2011 da
voto
7.5
  • Band: STEVE HACKETT
  • Durata: 00:58:49
  • Disponibile dal: 23/09/2011
  • Etichetta: Inside Out
  • Distributore: EMI

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

L’instancabile Steve Hackett torna in pista con una nuova opera solista ad un solo anno di distanza dal buon “Live Rails” e due dall’ultima pubblicazione in studio a titolo “Out Of The Tunnel’s Mind”. Il nuovo “Beyond The Shrouded Horizons” si presenta come un disco vario e ispirato in cui il grande chitarrista, come d’abitudine, mette in primo piano la canzone senza mai esagerare nelle finezze. Ovviamente, non mancano i grandi soli all’interno delle varie canzoni, ma essendo stato dai tempi dei Genesis innanzitutto un grande compositore, il buon Hackett non cade nel tranello di mettere il virtuosismo davanti ad una buona melodia o alla componente atmosferica. “Beyond The Shrouded Horizons” si rivela sin dai primi ascolti un disco gradevole, che gode di una grande varietà stilistica in grado di mantenere frizzante l’ascolto dalla prima all’ultima traccia. Si passa dal rock progressivo dell’opener “Loch Lomond”, alle tinte orientaleggianti del breve intermezzo acustico “Wanderlust”,  sino ad arrivare al blues rock a titolo “Catwalk”, in cui la band, avvalorata dalla presenza dietro le pelli del guest Simon Philips (Toto, The Who e Judas Priest nel suo curriculum),  conclude il pezzo con una sorta di grande jam session finale. A proposito di ospiti, risulta gradita la presenza della sin qui sconosciuta Amanda Lehmann, ad accompagnare in taluni pezzi Hackett nelle parti vocali, con la vetrina solista dell’ottima “Waking To Life”, una sorta di magico folk orientale con flauti e strumenti etnici. Il ventesimo sigillo dell’Hackett solista evidenzia anche irresistibili armonizzazioni corali, come possiamo ben sentire nella già citata opener, in “Looking For Fantasy” o nella splendida “A Place Called Freedom”, quest’ultima da segnalare come singolo e traccia di punta dell’intero lavoro. Immancabile infine la componente sinfonica, rappresentata dai sontuosi arrangiamenti d’archi presenti in “Between The Sunset And The Coconut Palms” e dall’elaborata “Turn This Island Earth” proprio in chiusura. Dunque, in “Beyond The Shrouded Horizons” la carne al fuoco non manca e la cosa positiva è che tutta questa miriade di influenze e variazioni stilistiche viene ben compattata all’interno dell’opera con un’atmosfera mistica sempre presente, che aleggia tra le canzoni, donandole un aspetto ancor più affascinante.

TRACKLIST

  1. Loch Lomond
  2. The Phoenix Flown
  3. Wanderlust
  4. Til These Eyes
  5. Prairie Angel
  6. A Place Called Freedom
  7. Between The Sunset And The Coconut Palms
  8. Waking To Life
  9. Two Faces Of Cairo
  10. Looking For Fantasy
  11. Summer's Breath
  12. Catwalk
  13. Turn This Island Earth
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.