STEVE HARRIS – British Lion

Pubblicato il 01/10/2012 da
voto
6.5
  • Band: STEVE HARRIS
  • Durata: 00:52:12
  • Disponibile dal: 24/09/2012
  • Etichetta: EMI
  • Distributore: EMI

Streaming:

Dopo oltre trent’anni di energie spese unicamente per la sua creatura, Steve Harris, bassista e leader storico degli Iron Maiden, si cimenta nel suo primo progetto solista di sempre. “British Lion”, questo il titolo del nuovo lavoro, vuole evidenziare ed urlare al modo il fiero orgoglio di Harris per la sua terra madre. Stilisticamente i nuovi brani si discostano parecchio dallo stile degli Iron Maiden, già l’apripista “This Is My God” si attesta su sonorità lontane dal metal, a favore di un rock più classico e commerciale. “Lost Worlds” si presenta ancor più melodica, arrivando al limite del confine con l’AOR. Di tutt’altra pasta “The Chosen Ones” che, a metà via tra hard rock ed AOR, ci stupisce piacevolmente con melodie ed un ritornello assolutamente azzeccati. La band che accompagna Steve Harris, riconoscibile fra mille con il suo particolare modo di martellare il basso, risulta invece anonima, come non spronata ad andare oltre lo stretto necessario. Viste le conoscenze e le possibilità di Harris non ci spieghiamo il perché si sia orientato su un cantante come Richard Taylor, dalla voce anonima e priva di qualsiasi velleità emozionale. “British Lion” contiene anche idee ed atmosfere figlie del rock anni Settanta, forse un piccolo tributo del bassista ai suoi idoli di gioventù come gli UFO. Optare per una produzione moderna fa sì che le nuove canzoni godano di una veste attuale per strizzare l’occhio anche ai fan più giovani, segno che il volpone di Harris non si accontenta della vecchia guardia. A conti fatti “British Lion” può essere considerato soltanto un momento di distrazione, un diversivo con cui il bassista inglese ha voluto ricaricare le energie prima di gettarsi a capofitto in un nuovo album firmato Iron Maiden. Il Leone Britannico, pur contenendo qualche brano interessante, non è destinato a lasciare il segno: forse verrà solo ricordato come il primo disco solista del buon Steve.

TRACKLIST

  1. This Is My God
  2. Lost Worlds
  3. Karma Killer
  4. Us Against The World
  5. The Chosen Ones
  6. A World Without Heaven
  7. Judas
  8. Eyes Of The Young
  9. These Are The Hands
  10. The Lesson
8 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.