STONE SOUR – Hydrograd

Pubblicato il 29/06/2017 da
voto
6.5
  • Band: STONE SOUR
  • Durata: 01.05.14
  • Disponibile dal: 30/06/2017
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

Gli Stone Sour ripartono dal garage dove è stata generata la “Burbank Duology” orfani di Jim Root, che ha abbandonato polemizzando su una svalutazione di un gruppo, nelle parole dell’artista, in cerca di airplay e soldi. In effetti questo “Hydrograd” è ideologicamente lontano da un concept album viscerale e cerebrale come “House Of Gold And Bones” – ad oggi la vetta artistica della band – e non ci vogliono troppi ascolti per capirlo. Ideato come un disco diretto che svolta verso il rock n’ roll, e registrato live in studio per le medesime motivazioni, “Hydrograd” a livello di ambizione trattiene solo l’ecletticità, caratteristica che permette a Corey Taylor di sperimentare tutto quello che non può buttare negli Slipknot. L’album è diviso tra pezzi radiofonici, melodici e asciutti e composizioni più tirate, mescolate ed alternate nella lunga tracklist. Quel che si nota in generale è un calo di ispirazione nella seconda parte del disco, dove il trascinante alt-metal di “Taipei Person/Allah Tea” e “Knievel Has Landed” diventa una riproposizione light degli Silpknot (“Whiplash Pants”) o ricorda la confusione di “Lords Of Summer” dei Metallica (“Somebody Stole My Eyes”). Anche “Mercy” potrebbe essere tranquillamente esclusa a parere di chi scrive, proporla come estratto è quasi follia. Pur essendo superficiali brani come “Song #3”, “Fabuless” e “Rose Red Violent Blue…” funzionano a dovere, e siamo altrettanto sicuri “St.Marie” garantirà una tempesta ormonale tra le file del gentil sesso. Succede così che gli episodi più raffinati come “Friday Knights” e “When The Fever Broke” finiscono per confondere e spiazzare l’ascoltatore, facendoci dubitare sul fatto che tutta questa diversificazione sia effettivamente positiva. La sensazione è che levando qualche pezzo e impostando una direzione precisa “Hydrograd” potesse essere un buon album, forse col contributo di un produttore di polso o forse ridimensionando l’ego del mastermind. Da un certo punto di vista però è giusto così: l’uomo al microfono è sicuramente una leggenda contemporanea, e non solo è in grado di esprimersi nei diversi registri ma sostiene interamente la baracca col suo carisma e la sua energia. Se gli Stone Sour di oggi sono ‘solo’ il suo giocattolo, il suo divertimento, questi si è meritato tutto il diritto di possederlo.

TRACKLIST

  1. YSIF
  2. Taipei Person / Allah Tea
  3. Knievel Has Landed
  4. Hydrograd
  5. Song #3
  6. Fabuless
  7. The Witness Trees
  8. Rose Red Violent Blue (This Song Is Dumb & So Am I)
  9. Thank God It's Over
  10. St. Marie
  11. Mercy
  12. Whiplash Pants
  13. Friday Knights
  14. Somebody Stole My Eyes
  15. When the Fever Broke
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.