STRAIT-UP – In memory of James Lynn Strait of Snot 08/07/68 – 12/11/98

Pubblicato il 13/05/2001 da
voto
8
  • Band: STRAIT-UP
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2001
  • Etichetta:
  • Distributore:

Prima di cominciare a parlare di quello che probabilmente rimarrà nella storia del crossover come il disco di tributo più importante mai realizzato finora, è doveroso dedicare alcune righe alla memoria di James Lynn Strait, voce e leader carismatico degli Snot, una delle maggiori band di punta della scena alternative americana, scomparso prematuramente all’età di 30 anni vittima di un incidente stradale avvenuto l’11 dicembre del 1998 a Santa Barbara (California) nel quale perse la vita insieme al suo inserparabile boxer Dobbs, l’emblema della band, che molti ricorderanno sulla copertina di Get Some o nel video di Stoopid. A lui è dedicato questo straordinario lavoro, realizzato grazie ad un’eccezionale collaborazione tra i membri degli Snot e i più importanti tra i cantanti esponenti della scena nu metal mondiale. I brani presenti su Strait-Up sono tutti inediti, avrebbero dovuto comporre il secondo disco degli Snot che entrarono in studio per la Geffen nell’autunno del 1998 ma interruppero le registrazioni a causa della morte del loro singer; la cosa che più colpisce fin dal primo ascolto è che ogni singolo pezzo sembra essere stato arrangiato e plasmato in funzione dello stile della band di appartenenza di ciascuno degli ospiti che si sono alternati dietro il microfono: Serj Tankian dei System of a Down apre le danze con “Starlit Eyes”, seguito da Johnatan Davis dei Korn in “Take it Back”, ottima la prestazione di Max Cavalera su “Catch a Spirit” mentre un Brandon Boyd (singer degli Incubus) in massima forma ci regala una magistrale interpretazione con “Divided”.. Poi ancora: Fred Durst, Dez Fafara dei Coal Chamber, Corey Taylor (#8) degli Slipknot e Lajon Witherspoon dei Sevendust. Inoltre, le ultime due tracce sono una vera ghiottoneria per i fans del compianto Lynn Strait, la prima delle due “Absent” é un brano con gli Snot al completo, graffiante e energico nel puro stile della band, registrato negli studi di Ross Robinson nel Marzo del 1998 per la colonna sonora di Strangeland e infine Sadair, una ballad acustica, dove una chitarra blues accompagna le parole di Strait in un lento addio. Il tutto condito dall’inaspettata presenza di sua maestà Ozzy Osbourne con la sua dedica personale per commemorare una delle voci più belle che la scena crossover di tutti i tempi ci abbia mai regalato, un uomo la cui personalità è stata descritta come un incrocio tra il Fonzie di Happy Days, James Dean e Elvis Presley, ma soprattutto un frontman eccezionale con il dono di saper fondere i toni caldi del blues più sporco e del funk, con la potenza e l’aggressività del rock e del metal.

TRACKLIST

  1. Starlit Eyes - featuring Serj Tankian of S.O.A.D.
  2. Take it Back - feat. Johnatan Davis of Korn
  3. I Know Where You’re At - feat. M.C.U.D. of (hed) Planet Earth
  4. Catch a Spirit – feat. Max Cavalera
  5. Until Next Time – feat. Jason Sears of RKL
  6. Divided (An Argument For the Soul) – feat. Brandon Boyd of Incubus
  7. Ozzy Speaks
  8. Angel’s Son – feat. Lajon of Sevendust
  9. Forever – feat. Fred Durst of Limp Bizkit
  10. Funeral Flights – feat. Dez Fafara of Coal Chamber
  11. Requiem - feat. Corey Taylor of Slipknot
  12. Reaching Out – feat. Mark of Sugar Ray
  13. Absent
  14. Sadair
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.