SUBLIMINAL CRUSHER – Antithesis

Pubblicato il 29/11/2005 da
voto
7.5
  • Band: SUBLIMINAL CRUSHER
  • Durata: 00:44:54
  • Disponibile dal: //2005
  • Etichetta: New Lm Records
  • Distributore: Masterpiece

Agognato esordio discografico per i Subliminal Crusher, band italianissima che un paio di anni fa avava stupito tutti grazie al demo “Life Drought”, concentrato di death tecnico e thrash che è valso il contratto con la piccola ma volenterosa New Lm Records. Con questo esordio discografico i Subliminal Crusher dimostrano una certa coerenza con il passato, con la sola differenza che magari ora la componente swedish thrash (leggi: The Haunted) è aumentata. Sin dall’iniziale “Fuck – Smile” tutto ciò è ben chiaro, soprattutto a livello di guitar solo, piuttosto svedesi. Anche la successiva “Affection” si basa un riffing degno di Andreas Björler, mentre la successiva “Technocratic” risulta più tecnica e moderna, grazie anche al moderato utilizzo delle vocals filtrate, ma soprattutto per via del riffing nervoso e della sezione ritmica serrata e quasi panteriana. La voce di Tooz è piuttosto grintosa e rimanda ai Sepultura e a Max Cavalera; purtroppo alla lunga proprio la voce risulterà la scelta meno azzeccata, in quanto troppo monocorde lungo tutto l’album. Un altro difetto di “Antithesis” è la sovraesposizione della componente swedish su quella death, che uniforma il sound dei nostri a quello di molte altre band. Il difetto è però di poco conto se si considera che a livello di songwriting i Subliminal Crusher sono di gran lunga superiori al novanta per cento dei gruppi dediti alle loro stesse sonorità. Molto buona risulta essere “Slavery” che, lenta e velenosa inizialmente, si evolve in un mid tempo roccioso con la batteria di Rodeath sugli scudi, e si trasforma ulteriormente in una fast song piuttosto marziale, salvo poi ricominciare da capo. Va doverosamente segnalato che i ragazzi omaggiano i Testament con una versione di “Into The Pit” a dir poco terremotante. Siamo consci di trovarci davanti ad una nuova e fulgida realtà del metal estremo italiano, da affiancare a gente del calibro di Infernal Poetry e Resurrecturis (recentemente lanciati da un tour europeo da co-headliner con i Vital Remains) e la cosa non può che farci estremamente piacere. Una volta corrretti i difetti presenti su “Antithesis”, i Subliminal Crusher potranno fare cose davvero grandi, per ora sono comunque promossi a pieni voti.

TRACKLIST

  1. Fuck - Smile
  2. Affection
  3. Technocratic
  4. I.R.A.Q.
  5. Slavery
  6. Fearbox
  7. Unfertile Suggestion
  8. Poetry
  9. Into The Pit
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.