SUICIDAL ANGELS – Divide And Conquer

Pubblicato il 15/01/2014 da
voto
6.0
  • Band: SUICIDAL ANGELS
  • Durata: 00:49:07
  • Disponibile dal: 14/01/2014
  • Etichetta: Noiseart Records
  • Distributore:

Ci sono gruppi, specie nel thrash metal, che nascono solo come tributi ai mostri sacri e che, album dopo album, quando uno si aspetterebbe una naturale distacco dalle influenze di gioventù, continuano imperterriti a pubblicare lavori tributo. Fra i più fedeli fan degli Slayer troviamo i greci Suicidal Angels, qui giunti al sesto album se non sbagliamo, altro lavoro che strappa una sufficienza piena in virtù della loro capacità di scrivere buoni brani ma che non vi esalterà sulla lunga distanza degli ascolti dilatati nel tempo. Anche in questo nuovo “Divide And Conquer” le influenze degli Slayer si dimostrano fondamentali nell’economia musicale dei greci, addirittura viene riproposto alla perfezione anche il feeling punk degli americani. Chiariamo subito: ci sono dei brani ottimi, scritti come si deve; è il caso della title-track, brano rapido, punkeggiante a tratti e arrangiato con soli di chitarra – e ci dispiace ripeterci – alla Slayer. O anche “Seed Of Evil”, uno dei brani fra i più lunghi del disco, quasi sette minuti in cui articolano meglio la loro proposta musicale, non puntando tutto sull’impatto e proponendo interessanti linee melodiche, specie quando lasciano andare le chitarre con riff molto lunghi o quando è un alternarsi di assoli di chitarra su una struttura ritmica molto possente. Non male anche “Control The Twist Of Mind”, altra composizione che supera i sei minuti anche se i primi due sono una sorta di introduzione. Ecco, un’altra cosa che notiamo è che ci sono brani mediamente molto lunghi, due sopra i sei e uno sopra gli otto minuti, “White Wizard”, che chiude il disco all’insegna del riffing serrato e dell’headbanging sfrenato contornato da melodie a tratti inusuali per il gruppo. Un album derivativo quindi, l’ennesimo da parte dei greci. Non sappiamo se questo possa rappresentare un pregio o un difetto per voi; loro beccano la solita sufficienza piena perché la qualità c’è, ma fra qualche settimana ci scorderemo inesorabilmente di questo album.

TRACKLIST

  1. Marching over Blood
  2. Seed of Evil
  3. Divide and Conquer
  4. Control the Twisted Mind
  5. In the Grave
  6. Terror Is My Scream
  7. Pit of Snakes
  8. Kneel to the Gun
  9. Lost Dignity
  10. White Wizard
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.