SUIDAKRA – Echoes Of Yore

Pubblicato il 26/11/2019 da
voto
6.0
  • Band: SUIDAKRA
  • Durata: 00:52:28
  • Disponibile dal: 15/11/2019
  • Etichetta: Mdd Records
  • Distributore:

I Suidakra festeggiano i loro 25 anni di carriera con questo interessante best of: 10 brani provenienti dai loro precedenti lavori, ri-registrati per l’occasione, scelti dai fan che hanno permesso la produzione del lavoro tramite una campagna di crowdfunding. Sembrerebbe dunque soltanto un disco per i fan e che esiste soltanto grazie ai fan: ma in realtà non è soltanto questo. “Echoes Of Yore” è, adesso, il miglior album per avvicinarsi alla musica della ormai a suo modo storica band tedesca.
Arkadius Antonik e soci (meglio esprimersi così dati gli innumerevoli cambi di line-up attorno al leader fondatore) hanno proposto da sempre un songwriting a dir poco fluido, unendo sonorità spesso diverse – quasi in modo disarmante: dal black metal delle origini si è arrivati a un sound puramente metalcore in linea con quello in voga negli anni Zero, per poi approdare all’attuale mix di epico folk/black ed energico melodic death con margini riservati a mood acustici e riflessivi e ad aperture melodiche quasi power.
Ascoltare un sunto della loro frastagliata discografia in questo “Echoes Of Yore” è importante, perché in ultima analisi si tratta di un lavoro – quasi paradossalmente – coeso e organico, consegnandoci dunque una band finalmente consapevole (in linea definitiva?) della propria direzione e anche della propria storia.
E dunque tra grandi adiacenze innegabili con i mostri sacri del genere (Amon Amarth, Eluveitie ecc), si scorre dall’esemplare e ottima opener “Wartunes” alla vichingheggiante “Warpipes Call Me”, passando per pezzi sicuramente più ingenui come “Morrigan” ad altri più feroci e brillanti come “Havoc”. La coerenza nella linea stilistica sembra essere sempre lì lì per crollare, ma non succede: neanche imbattendosi in un pezzo come “Rise Of Taliesin” che rimanda addirittura ad alcuni discutibili momenti folk acustici dei Nightwish e che segna il vero punto debole nella tracklist.
“Echoes Of Yore” resta così un ascolto mai davvero sgradevole, ma nemmeno in grado di colpire sul serio, non a causa di veri e propri difetti, ma per una sua costitutiva natura derivativa. Un’operazione che però dona nuova credibilità – e forse nuova linfa – a una band che si dimostra in grado di poter dire la sua di nuovo, ripartendo dalla propria storia, riordinandola e inserendosi in un genere certamente non facile ma all’interno del quale forse i Suidakra trovano una vera identità.

TRACKLIST

  1. Wartunes
  2. The Quest
  3. Havoc
  4. Morrigan
  5. Rise of Taliesin
  6. Hall of Tales
  7. Pendragon's Fall
  8. Banshee
  9. Warpipes Call Me
  10. Lays from Afar
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.